Fotoinchieste Fotoinchieste

Claviere, 5 aprile 2021. Due famiglie afgane percorrono la strada che da Claviere porta ai sentieri che varcano il confine in direzione Monginevro

Testimoni alla frontiera

In meno di quattro anni, 12mila persone hanno attraversato a piedi il confine italo-francese. I migranti cercano di valicarlo di notte, per non essere respinti dalla polizia francese

Valerio Muscella

Valerio MuscellaFotoreporter

Michele Lapini

Michele LapiniFotoreporter

Articolo solo per iscritti
Graffito dello street artist Hogre su una facciata delle palazzine di via Ugento, elaborato in occasione di una mobilitazione per sollecitare le istituzioni sui lavori di ristrutturazione. Foto di Daniele Napolitano

Roma. Casa popolare, un lusso per pochi

Al Quarticciolo, periferia est della capitale, Kaula vive in 27 metri quadri con il marito e tre figli. Non certo un caso isolato: Roma è la prima città europea per emergenza abitativa

Serena Chiodo

Serena ChiodoGiornalista freelance e mediatrice culturale

Daniele Napolitano

Daniele NapolitanoFotografo

Il cimitero di Tetova, uno dei villaggi che circondano il polo industriale di Zenica. Credits: Matteo Trevisan

Bosnia, il copione Arcelor Mittal si ripete

A Zenica, 115mila abitanti nel cuore della Bosnia, si trova lo stabilimento siderurgico più grande del Paese. Dopo anni di promesse da parte del colosso indiano, la tutela di salute e ambiente rimane una chimera

Milena Rettondini

Milena RettondiniGiornalista

Matteo Trevisan

Matteo TrevisanFotografo

Articolo solo per iscritti
La parte più alta dell'isola, militarizzata - Foto di Maria Zullo

L'altra Lampedusa, l'isola ignorata dai riflettori

Tagli alla sanità, mancanza di un'adeguata raccolta dei rifiuti, inquinamento, turismo di massa: viaggio nell'isola militarizzata, dove lo Stato non esiste

Francesco Rossi

Francesco RossiGiornalista e consulente lavialibera

Roberto Ranucci

Roberto RanucciConsulente lavialibera

Un allenamento della squadra di basket per le seconde generazioni Tam tam

Limbo Castel Volturno

Kodjo, Cheboh e Grace sono tre facce della popolazione di Castel Volturno: una prigione da cui, tra crisi economica e coronavirus, non riescono a emanciparsi. Secondo l'ex sindaco Russo, qui vivrebbero 15mila migranti fantasma

Valerio Muscella

Valerio MuscellaFotoreporter

Michele Bertelli

Michele BertelliGiornalista

Articolo solo per abbonati

Guardiamo il mondo
con occhi diversi

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar