Diritto all'istruzione

Il diritto all’istruzione, codificato sia a livello internazionale che nazionale, è uno dei cardini su cui si costruiscono democrazia e sviluppo. Al di là della formulazione scelta (diritto all’istruzione, diritto all’educazione, diritto allo studio), questo principio si caratterizza perché riconosce a tutti gli individui la possibilità di accedere ad un bagaglio di conoscenze e competenze considerazione essenziali alla crescita della persona. 


Gratuita, obbligatoria, non discriminatoria e di qualità. I diversi strumenti giuridici qualificano così l’istruzione di cui uno Stato deve farsi garante. E da questa costruzione del diritto all’istruzione emerge chiaro il suo essere uno strumento per realizzare altri diritti. Educare significa consentire ad un individuo di elevarsi culturalmente, socialmente ed economicamente. Ma significa anche regalare alla collettività una mente in grado di collaborare alla definizione di una società più equa, più giusta, che abbia a cuore questioni come l’uguaglianza, la pace, lo sviluppo sostenibile. In questa prospettiva, ancora più importanza acquisisce il diritto all’istruzione quando concretamente garantito alle fasce più povere della popolazione, per le quali la conoscenza rappresenta una possibilità di riscatto e un modo per attivare il tanto agognato ascensore sociale.

(Kio Azuma/Unsplash)

Disuguaglianze a scuola: una questione di classe

Il sistema educativo italiano accentua le disuguaglianze. Il percorso scolastico è influenzato dal contesto sociale e familiare ma è nel passaggio dalle medie alle superiori che si crea una frattura difficilmente sanabile

Marco Romito

Marco RomitoRicercatore

Davide Romanelli

Davide RomanelliGrafico

Gabriel Boric, 36 anni, nuovo presidente del Cile (Tomas Hirsch G./Flickr)

L'ardua sfida di Boric, Vallejo e Jackson

A dicembre il 36enne Gabriel Boric ha vinto le elezioni presidenziali. Ex leader del movimento studentesco, guiderà un governo che dovrà rompere col passato legato alla dittatura di Pinochet e accogliere le istanze sociali degli ultimi anni

Giulia Poscetti

Giulia PoscettiReferente del settore internazionale di Libera - area America Latina

Studenti davanti al Ministero dell'Istruzione a Roma. Foto: Ylenia Sina

Esame di maturità, la protesta degli studenti

A meno di 100 giorni dalla prova finale, la Rete degli studenti medi protesta contro gli scritti. "Chi si avvicina all'esame quest'anno ha lacune immense dal punto di vista didattico e psicologico"

Ylenia Sina

Ylenia SinaGiornalista

Aula scolastica. (Ansa/Luca Castellani)

La scuola in Italia, un mostro a più teste

Nel saggio Cambiamo la scuola, due insegnanti riflettono su una nuova idea di istruzione, che non sia né un parcheggio, né un'azienda, né un gorgo burocratico

Francesca Chiappalone e Carlo Sperduti

Francesca Chiappalone e Carlo SperdutiLibreria Mannaggia (Perugia)

Articolo solo per abbonati
(Dom Fou/Unsplash)

Dad, incontrarsi in ateneo serve

Da diversamente abile so quanto sia utile la relazione con gli altri per la conoscenza. A me è stata negata all'università

Tommy Colasanto

Tommy Colasantostudente di filosofia all’Università di Bari

Guardiamo il mondo
con occhi diversi

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar