Mafie

Mafie è il nome comunemente dato ad alcune organizzazioni criminali nate nel meridione d’Italia alla fine dell’Ottocento. Sono riconosciute come mafie storiche la Cosa nostra siciliana, la ‘ndrangheta calabrese e la camorra campana, cui è stata aggiunta in tempi più recenti la Sacra corona unita pugliese. 

Le mafie riescono a controllare, in modo più o meno invasivo, il contesto in cui si inseriscono soprattutto grazie al loro carattere violento e alla capacità di creare e sfruttare un’ampia rete di relazioni. Attraverso queste modalità le mafie storiche si sono riprodotte, nel corso degli anni, anche nel Settentrione d’Italia e in altre parti del mondo. 

Nel 1982, con l’introduzione dell’articolo 416 bis del codice penale, l’associazione di tipo mafioso è stata riconosciuta come reato. La norma definisce mafiosa qualunque organizzazione che utilizza la “forza di intimidazione” per controllare attività legali (come appalti e concessioni pubbliche) e illegali (come traffico di droga ed estorsioni) o alterare il libero esercizio del voto. Secondo la norma, la forza di intimidazione di questi gruppi si esprime principalmente nell’“assoggettamento” provocato nei confronti di chi non ne fa parte e nell’“omertà” che ne deriva.

A partire dagli anni Novanta, in Italia, sono state incriminate per mafia anche organizzazioni diverse dalle mafie storiche, sia italiane che straniere, come la Mala del Brenta, alcune formazioni romane, e diversi gruppi di origine cinese, nigeriana e rumena.

Puglia. Anche a Trinitapoli i clan influenzano voto e amministrazione

Puglia. Anche a Trinitapoli i clan influenzano voto e amministrazione

Nella relazione dello scioglimento del Comune di Trinitapoli per infiltrazioni mafiose si leggono gli affari criminali coi rifiuti, l'occupazioni di case popolare e soprattutto il sostegno portato alla coalizione vincente alle elezioni …

Luca Pernice

Luca PerniceDirettore Teleblu

Sanremo 1994. Giorgio Faletti (a destra) con Laura Pausini e Aleandro Baldi

Stragi: quando Faletti spiazzò Sanremo con Signor tenente

Nel 1994 il cantautore astigiano si posizionò al secondo posto della kermesse canora con un brano dedicato alle vittime di Cosa nostra e, in particolare, alle forze dell'ordine che persero la vita a Capaci e in via D'Amelio. Il ricordo di Danilo …

Marco Panzarella

Marco PanzarellaRedattore de lavialibera

Mirandola. Foto: Sofia Nardacchione

Viaggio nell'Emilia del terremoto, dieci anni dopo

Alle 4 di mattina del 20 maggio 2012, una scossa di magnitudo 5.9 colpisce la pianura padana emiliana. Da allora, si è preferito rimettere in sesto gli edifici privati. Il punto sulla ricostruzione dei comuni più colpiti dal sisma, tra scelte …

Sofia Nardacchione

Sofia NardacchioneGiornalista freelance

No foto

Leggi e principali strumenti dell'antimafia

Le regole antimafia sono state spesso il frutto di interventi emergenziali, varati a seguito di fatti di sangue e omicidi. Così è stato, ad esempio, per quella che introduce il reato di associazione mafiosa, ma anche per il corpus di leggi approvate …

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

Il palazzo di giustizia di Milano. Foto: F. Romero/Flickr

Bindi: "Quello che resta della mafia è conseguenza di Tangentopoli"

Solo recuperando l'occasione mancata di Mani pulite, la politica potrà sconfiggere la criminalità organizzata, che oggi spara meno anche perché incontra interlocutori disponibili agli affari

Rosy Bindi

Rosy BindiEx ministra della Salute, presidente Commissione antimafia nella XVII legislatura

Guardiamo il mondo
con occhi diversi

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar