Mafie

Mafie è il nome comunemente dato ad alcune organizzazioni criminali nate nel meridione d’Italia alla fine dell’Ottocento. Sono riconosciute come mafie storiche la Cosa nostra siciliana, la ‘ndrangheta calabrese e la camorra campana, cui è stata aggiunta in tempi più recenti la Sacra corona unita pugliese. 

Le mafie riescono a controllare, in modo più o meno invasivo, il contesto in cui si inseriscono soprattutto grazie al loro carattere violento e alla capacità di creare e sfruttare un’ampia rete di relazioni. Attraverso queste modalità le mafie storiche si sono riprodotte, nel corso degli anni, anche nel Settentrione d’Italia e in altre parti del mondo. 

Nel 1982, con l’introduzione dell’articolo 416 bis del codice penale, l’associazione di tipo mafioso è stata riconosciuta come reato. La norma definisce mafiosa qualunque organizzazione che utilizza la “forza di intimidazione” per controllare attività legali (come appalti e concessioni pubbliche) e illegali (come traffico di droga ed estorsioni) o alterare il libero esercizio del voto. Secondo la norma, la forza di intimidazione di questi gruppi si esprime principalmente nell’“assoggettamento” provocato nei confronti di chi non ne fa parte e nell’“omertà” che ne deriva.

A partire dagli anni Novanta, in Italia, sono state incriminate per mafia anche organizzazioni diverse dalle mafie storiche, sia italiane che straniere, come la Mala del Brenta, alcune formazioni romane, e diversi gruppi di origine cinese, nigeriana e rumena.

Bologna, il "ras di via Saffi" incute ancora timore ai cittadini
Play Video

Bologna, il "ras di via Saffi" incute ancora timore ai cittadini

In via Saffi, una delle principali vie di Bologna, negli ultimi anni sono avvenuti alcuni incendi dolosi. Alcuni cittadini sospettano che dietro ci sia Ciro Cuomo, titolare di alcune attività. Ha diversi precedenti e nel giugno 2021 è stato …

Sofia Nardacchione

Sofia NardacchioneGiornalista freelance

Andrea Giagnorio

Andrea GiagnorioReferente Libera Bologna

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Luciana Lamorgese, ministro dell'interno, Lamberto Giannini, capo della Polizia e con Maurizio Vallone, direttore della Dia

Antimafia, anno 2022: fari sulle nomine nelle procure e riforma dell'ergastolo ostativo

È attesa per il nuovo presidente della Repubblica, che guiderà anche un Csm chiamato a scegliere il capo della Direzione nazionale antimafia e il procuratore di Palermo. Dopo la decisione della Corte costituzionale, il parlamento dovrà affrontare la …

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Mafia garganica, gli affari dei boss: "Il mare è nostro"

Mafia garganica, gli affari dei boss: "Il mare è nostro"

L'inchiesta Omnia Nostra documenta gli affari illegali e legali del clan Romito-Lombardi-Ricucci-La Torre, ex alleato e poi rivale dei Li Bergolis: la prima batteria del Gargano condannata per mafia. Oltre la droga, in primis c'è il mercato ittico …

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Le capsule di cocaina e i passaporti dei due nigeriani arrestati all'aeroporto di Capodichino nel 2004. Nei loro stomaci piu' di 130 grandi capsule, pari a 2 kg e mezzo di droga (Ciro Fusco/Ansa)

Dagli atenei nigeriani all'Europa. Così i cults sono diventati mafia

Già negli anni Novanta emerge la criminalità organizzata nigeriana e dal 2006 le procure ritengono alcuni gruppi "associazioni mafiose". Negli ultimi anni la destra chiede tribunali speciali ed esercito contro queste organizzazioni in ottica …

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Articolo solo per iscritti
Roberto Saviano (Foto Flickr)

Dall'avvocato dei camorristi una "precisa strategia" per silenziare Saviano e Capacchione

Nei giorni del Nobel per la Pace ai giornalisti Ressa e Muratov e a 15 anni dal conferimento della scorta a Saviano, sono state pubblicate le motivazioni della condanna al boss Bidognetti e al suo legale Santonastaso

Graziella Di Mambro

Graziella Di MambroGiornalista di Latina Oggi

lavialibera sotto l'albero:

3 box regalo per festeggiare informati

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar