Beni confiscati

#perilbeneditutti: il bilancio di Libera sul riutilizzo sociale dei beni confiscati

#perilbeneditutti: il bilancio di Libera sul riutilizzo sociale dei beni confiscati

Nell'anniversario della legge 109 del 1996 per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie voluta da Libera, l'associazione stila un bilancio del percorso fatto ed evidenzia i nodi irrisolti. Con 10 proposte politiche da cui ripartire

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

La tenuta di Suvignano, in provincia di Siena, assegnata alla Regione Toscana. Fonte: Toscana Notizie

Il prefetto Frattasi (Anbsc): "I beni alle associazioni sono un successo, ma serve più velocità"

Da 13 mesi Bruno Frattasi guida l'Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità: "Siamo ancora fragili, manca il personale, ma abbiamo portato a termine alcuni impegni". Come la villa dei Casamonica ai giovani autistici

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

1995, un banchetto per la raccolta firme a sostegno del riuso sociale

L'utilizzo sociale dei beni confiscati, una storia di 25 anni

Nel 1995, anno di nascita di Libera, cominciava la campagna a sostegno della legge che prevede il riutilizzo a scopi sociali dei beni confiscati alle mafie. Un percorso lungo che inizia nel 1982 e prosegue ancora oggi

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar