Narcotraffico

Aprile 2012, Helmand, Afghanistan sud-occidentale. Marines statunitensi attraversano un campo di oppio (Foto U.S. Marine Corps/Flickr)

Afghanistan, l'industria dell'oppio

Dal 2001 la coltivazione di papavero in Afghanistan è cresciuta, ma oggi è un altro il dato da monitorare: i centri di raffinazione si stanno moltiplicando. Segno che il narcotraffico non è più solo una fonte di introito per la guerriglia, ma la …

Matteo Tacconi

Matteo TacconiGiornalista Rai

Afghanistan, 2005. Un papavero da oppio (Zalmai/Un Photo/Unodc CC BY-NC-ND 2.0)

Eroina e non solo: vecchi e nuovi traffici nell'Afghanistan dei talebani

Nonostante il divieto imposto dall'emirato islamico, la coltivazione di oppio e il commercio di eroina da esso ricavata sembrano continuare indisturbati. Ma a preoccupare le autorità antidroga italiane ed europee è anche la produzione di …

Paolo Valenti

Paolo ValentiRedattore lavialibera

Raffaele Imperiale, fotografato di nascosto dagli investigatori

Il narco Imperiale è in cella, ma la caccia al suo tesoro prosegue

Il broker campano Raffaele Imperiale, che a casa aveva due dipinti di Van Gogh rubati, era un elemento importante di un cartello di narcotrafficanti con base a Dubai, filiali ad Amsterdam e Napoli e legami col Sudamerica. Estradato dagli Emirati …

Daniela De Crescenzo

Daniela De CrescenzoGiornalista

Truffe online, cyber riciclaggio e narcotraffico: la criminalità organizzata si reinventa

Truffe online, cyber riciclaggio e narcotraffico: la criminalità organizzata si reinventa

Una rete criminale svuotava conti correnti, investendo i soldi guadagnati in criptovalute, compravendita di armi, traffico di stupefacenti e prostituzione. I vertici erano in contatto con alcune mafie italiane

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Anom, i segreti del narcotraffico nelle chat

Anom, i segreti del narcotraffico nelle chat

A usarlo erano esponenti di oltre 300 organizzazioni criminali, compresa la 'ndrangheta: si scambiavano messaggi per organizzare il traffico di droga, credendo di essere al sicuro dalle intercettazioni. L'Fbi leggeva tutto

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Informarsi è un gesto radicale

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Per rimettere in gioco un futuro che sembra già scritto

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar