Narcotraffico

Cos’è il narcotraffico

Il termine narcotraffico è utilizzato per indicare l’attività di traffico illegale di droga. Parola composta che nasconde uno dei più fiorenti mercati illegali al mondo, principale fonte di ricchezze per la criminalità organizzata internazionale. Quello del narcotraffico è un macrocosmo che, specialmente negli ultimi anni, ha riempito le pagine dei giornali e soprattutto gli scaffali delle librerie e gli schermi di cinema e tv, con un’ampia produzione di libri, documentari, film, serie TV (con Netflix in testa) a tema. Conseguenza del fascino esercitato sul pubblico dal genere Crime, che ha portato nelle case storie e personaggi di malavita che assumono talvolta sfumature epiche. Dietro le sceneggiature mozzafiato si nasconde la ben più prosaica povertàdei produttori di droghe, la violenza efferata dei trafficanti internazionali e il cinismo di facilitatori e broker

Quali droghe, quali rotte

Secondo il World Drug Report 2023, stilato dall’Ufficio delle Nazioni unite sulla droga e il crimine (Unodc), la sostanza più consumata e trafficata resta la cannabis, con 219 milioni di utenti e una diffusione geografica estesa a tutto il globo. Seguono gli oppioidi, la famiglia di droghe più letale, che comprende l’eroina. Il principale centro di produzione è l’Afghanistan, ma il divieto alla coltivazione dell’oppio imposto dai Talebani potrebbe avere un impatto sulla catena di approvvigionamento. Al terzo posto la cocaina, prodotta tra Colombia, Perù e Bolivia e consumata principalmente nelle Americhe e in Europa. Il traffico di cocaina, in costante crescita, vede la collaborazione tra i cartelli sudamericani e le mafie europee, prima su tutte la ‘ndrangheta. Sono in espansione anche i traffici di droghe sintetiche, economiche e facili da produrre, in particolare la metamfetamina, mentre alla lista delle sostanze psicoattive si aggiungono ogni anno decine di nuove formulazioni.

Narcotraffico, guerre e altri crimini

Il World Drug Report evidenzia anche il rapporto tra il traffico di droga e altre attività illegali, come deforestazione, inquinamento delle acque, violenza, traffico di animali selvatici, estrazione illecita di minerali. Ambigua la relazione con i conflitti armati: spesso, l’indebolimento dello Stato durante le guerre favorisce i traffici illeciti, oppure sono le stesse parti belligeranti a promuoverli per trarne profitto, partecipando attivamente alla produzione e al commercio o tassando queste attività, come ha fatto il regime siriano con il Captagon. In altri casi le guerre rallentano e ostacolano i traffici. In Ucraina, per esempio, sottolinea il rapporto Onu, il conflitto ha perturbato il commercio illegale di eroina e cocaina, ma si teme possa invece favorire l’espansione delle attività legate alle droghe sintetiche.

Talebano distrugge droga. Foto: Epa

Afghanistan, hub di droghe sintetiche

I talebani hanno bandito l'oppio, ma favoriscono la diffusione di ephedrina e fentanyl. Metà della popolazione vive in povertà assoluta, molti i tossicodipendenti

Lucia Vastano

Lucia VastanoGiornalista di guerra

Articolo solo per abbonati
Una nave carica di container (Venti Views/Unsplash)

Libera accende un faro sulla criminalità nei porti: "Politica timida"

L'associazione antimafia presenta "Diario di bordo", uno studio sulle attività dei gruppi criminali negli scali marittimi in Italia. Non solo narcotraffico: attenzione a contraffazione, contrabbando e traffici di rifiuti

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

(Venti Views/Unsplash)

The Italian antimafia association Libera sheds light on crime in ports: "Politics still timid"

Libera, the italian Anti-Mafia Association, has prepared "Diario di bordo," a study on the activities of criminal groups in Italian ports. Criminal gangs don't just do drug trafficking: focus on counterfeiting, smuggling and waste trafficking.

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

L'archipelago "The World", realizzato davanti alla costa di Dubai. Il narcotrafficante Raffaele Imperiale aveva comprato qui un isolotto coi soldi realizzati col traffico di cocaina. Obiettivo: costruire ville di lusso (Catauggie/Unsplash)

Un'isola a Dubai, l'offerta del narcos Imperiale all'Italia

La giustizia dà la caccia al tesoro immenso accumulato dal narcotrafficante campano Raffaele Imperiale, a processo a Napoli. Lui offre allo Stato la proprietà di un isolotto in un arcipelago artificiale realizzato al largo degli Emirati arabi uniti

Daniela De Crescenzo

Daniela De CrescenzoGiornalista

Pillole di Captagon sequestrate. Foto Guardia di Finanza

Cos'è il Captagon, la droga di Assad che passa per l'Europa

Secondo i media israeliani, anche i terroristi di Hamas ne avrebbero fatto uso. Derivato dell'anfetamina, il Captagon è diventato il primo prodotto d'esportazione della Siria di Bashar Al Assad, che ne ricava benefici economici e politici. Arabia …

Paolo Valenti

Paolo ValentiRedattore lavialibera

Informarsi è un gesto radicale

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Per rimettere in gioco un futuro che sembra già scritto

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar