Credits: livejournal
Credits: livejournal

Coronavirus, requiem o rinascita?

La parola "paura" è stata sdoganata. Ogni giorno qualcuno spiega la preziosa funziona nella logica di sopravvivenza

Fabio Cantelli Anibaldi

Fabio Cantelli AnibaldiVicepresidente Gruppo Abele e scrittore

Aggiornato il giorno 4 gennaio 2021

Se è vero che i pensieri nascono dalla vita e che dunque quelli dei filosofi sono di fatto autobiografie cifrate – Aut-Aut lo è di Kierkegaard come il Tractatus di Wittgenstein – a maggior ragione questo vale per quello che mi accingo a scrivere. Non sono uno scienziato né un esperto, ma del coronavirus sento di poter parlare perlomeno come potenziale vittima di altri virus e di uno in particolare, causa della sindrome tristemente nota con l’acronimo Aids. Insomma di virus me ne intendo, a mio modo, rientrando tra quelli che gli americani chiamano long-term survivors, sopravviventi oltremisura per cui, si potrebbe dire, ogni giorno in più è grasso che cola… Sono stato fortunato, toccato da qualcosa che non posso fare a meno di sentire come un privilegio se non un’ingiustizia, se penso ai tanti amici e care persone, tra cui una fidanzata, che a causa di quel virus sono morte.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar