Azerbaijan: nella terra del fuoco protettore

Dopo la guerra della Russia all'Ucraina, Roma ha stretto accordi con Baku per aumentare le forniture di gas. La cultura dell'Azerbaijan è legatissima a questo elemento, come dimostra la nascita del culto di Zoroastro

Eugenio Grosso

Eugenio GrossoFotoreporter

17 maggio 2022

All’inizio di aprile il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha preso un volo diretto verso l’Azerbaijan. "La tappa a Baku si inserisce nel solco dell’attività di diplomazia energetica promossa dal ministro Di Maio all’indomani dell’aggressione russa ai danni dell’Ucraina, finalizzata ad accelerare il processo di diversificazione energetica", comunicava la Farnesina. In agenda c’era la discussione "di un possibile incremento delle forniture di gas dall’Azerbaijan attraverso il gasdotto trans-adriatico (Tap), (...) unico gasdotto europeo realizzato negli ultimi anni, indipendente dal gas russo".

La rivista

2022 - numero 14

Trent'anni dopo

A trent'anni dalle stragi di Capaci e di via D'Amelio, lavialibera propone a lettrici e lettori un numero speciale: una riflessione a più voci sugli anni che ci separano dalla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un antidoto contro la retorica delle celebrazioni

Trent'anni dopo
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar