"Melanconia di classe", il prezzo da pagare per diventare qualcuno

Da Amy Winehouse ai Joy Division, nel libro "Melanconia di Classe" Cynthia Cruz racconta la lacerazione di chi lascia la working class per fare arte in un mondo borghese

Alice Pisu

Alice PisuLibreria Diari di Bordo - Libri Per Viaggiare, Parma

25 novembre 2022

Con Melanconia di Classe (Edizioni di Atlantide) Cynthia Cruz esplora la condizione di emarginazione vissuta da chi proviene dalla working class e non vuole conformarsi alla cultura neoliberista. Saggista, accademica, autrice di diverse raccolte di poesia, Cruz parte dall’esperienza personale per poi allargare lo sguardo sul mondo dell’arte, dello spettacolo, della musica, della letteratura. Qui riscontra ed esamina un’ossessione comune: lo spettro del proprio io proletario abbandonato nel lasciare i luoghi d’origine per “diventare qualcuno”.

Elaborando un’infanzia segnata dal sacrificio di un padre messicano-americano cresciuto lavorando in fattoria e di una madre immigrata priva di legami con il paese di adozione, Cruz sperimenta il contrasto col passato, la vergogna, lo smarrimento per la frattura con il suo mondo, che si manifesta tanto nella scrittura quanto nella vita. Pone poi l’accento sull’inaridimento linguistico del dibattito sulla classe sociale e la persistenza di stereotipi e costrutti che inibiscono un reale cambiamento: "Certi tropi sono coerenti (esistono da decenni), sono un costrutto culturale e sono rafforzati dai mezzi di comunicazione. Eppure, inevitabilmente, certi tropi contraddicono la realtà". Tra continui rimandi a Benjamin, Gramsci, Freud e Fisher, Cruz definisce condizionamenti sociali e comportamenti tossici attraverso le storie di musicisti, scrittori e artisti della working class che, sopraffatti "dai valori e dall’estetica della classe dominante", hanno tentato di omologarvisi o hanno invece rifiutato l’annientamento. Né gli uni né gli altri sfuggono però alla melanconia, allo sdoppiamento vissuto da chi non appartiene a nessuna delle due classi: "Scrivere della working class significa entrare dentro la contraddizione, ma significa anche entrare in un vuoto: il divario tra i mondi, l’intermedio tra due morti".

Leggi "Segnalibro", le recensioni dei librai

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar