Undertale, gioco di pace

Un videogame sovverte le logiche mainstream e lascia decidere se combattere o dialogare. Un prodotto di inatteso successo in un'industria virtualmente violenta e in rapida espansione

Toni Castellano

Toni Castellanoredattore lavialibera

29 febbraio 2024

Giocando s’impara. Ma cosa? Le nuove generazioni vedono il mondo adulto agitarsi tra conflitti e ostilità. Anche i giochi che pensiamo per loro seguono in parte la stessa logica. La sezione videogame – avanguardia del settore divertimento e svago – ha un lungo elenco di titoli ultraviolenti e poco educativi. Esiste però un videogioco che ha scardinato il meccanismo dello scontro. Un gioco di ruolo che propone di scegliere come affrontare i cattivi. Si chiama Undertale.

Una trama aperta

Tecnicamente è un bullett hell – uno sparatutto a tutto schermo – in stile vintage, nella grafica e nelle musiche. La trama vede l’ambientazione sulla Terra, pianeta in cui umani e mostri vivono in maniera pacifica finché i primi non decidono di esiliare i secondi sotto la superficie, per sempre, segregandoli al di là di una barriera magica costruita dai più potenti stregoni umani, in modo che nessuno possa entrare o uscire.
Gli anni passano e la cronaca di questo scontro si perde nel tempo insieme al ricordo dei mostri. Insomma, la pace. Per gli uomini. Ma una pace senza memoria rischia di generare un mondo fragile. La partita inizia quando il protagonista – il cui genere è volutamente non precisato – cade in un buco nel monte Ebott e finisce nelle rovine del mondo dei mostri. Sottoterra si incontrano i classici boss da videogame. La differenza è che il giocatore può decidere se combatterli o dialogare, consolarli o abbracciarli, farli felici o scappare. Ogni incontro ha una possibilità alternativa oltre a quella violenta.

I bambini giocano alla guerra

Undertale, uscito nel 2015, è il primo gioco che aggira lo scontro aggressivo e competitivo tra protagonista e antagonisti. Il personaggio non deve necessariamente uccidere tutto ciò che gli si contrappone. La filosofia più o meno sotterranea è il pacifismo: la violenza non premia e se si sceglie quella via si raggiunge un finale senza soluzione. Un genocidio.

La rivista

2024 - numero 25

African dream

Ambiente, diritti, geopolitica. C'è un nuovo protagonista sulla scena internazionale

African dream
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar