Copertina numero 24. Foto di Jonathan Hobin
Copertina numero 24. Foto di Jonathan Hobin

I bambini giocano alla guerra

Per cambiare gioco e "fare sorridere il mondo" bisogna non avere fame, freddo e paura, dice il poeta tedesco Bertolt Brecht. Perché i conflitti è meglio prevenirli che curarli

Elena Ciccarello

Elena CiccarelloDirettrice responsabile lavialibera

21 dicembre 2023

  • Condividi

Scrivere di pace è difficile quasi quanto scrivere di guerra. Non c’è mai un bianco e un nero, è sempre tutto più complicato. Non è corretto neppure parlare di pace al singolare. Come guerre, il termine andrebbe declinato al plurale: paci. Ce ne sono di giuste, che portano diritti e uguaglianza, ma anche di ingiuste, come quelle imposte dai più forti sui più deboli. Di stabili e instabili. "Gli effetti della pace sulle popolazioni non sono sempre positivi", ricorda la storica Gabriella Gribaudi. Molto dipende dalle condizioni dettate dai vincitori e dalla capacità delle parti di riconoscere e metabolizzare le violenze inflitte e subite. Più spesso il ricordo dei drammi passati finisce per proporne di nuovi nel presente, in una catena senza fine, nonostante i presunti progressi compiuti dall’umanità. A volte la giustizia internazionale può contribuire a creare nuovi equilibri, così come i processi di riconciliazione, ma sempre dopo tragedie enormi e costi umani altissimi.

Vignetta di Gianlo
Vignetta di Gianlo

Le guerre si ripetono al pari di errori, interessi e odi su cui si fondano, quasi fossero iscritte nel nostro esistere come genere umano. I bambini giocano alla guerra./ È raro che giochino alla pace/ perché gli adulti/ da sempre fanno la guerra,/ tu fai “pum” e ridi;/ il soldato spara/ e un altro uomo/ non ride più. Così inizia la poesia di Bertolt Brecht evocata sulla copertina di questo numero.

È un errore credere che la dimensione bellica annulli tutte le differenze interne a un paese. L’Italia ha conosciuto i collaborazionisti di Salò e i partigiani, il fascismo e la resistenza. Solo nel racconto di propaganda, o nella memoria postuma, non esistono crepe

A stabilire le paci, come il loro opposto, sono soprattutto le élite. Le popolazioni a volte sono contrarie all’uso delle armi, ma il dissenso non riesce a emergere e quando ci prova è bandito e perseguitato. Lo sanno bene i disertori russi, o i parenti israeliani delle vittime di Hamas del 7 ottobre che chiedono di fermare le armi contro Gaza.
È un errore credere che la dimensione bellica annulli tutte le differenze interne a un paese. L’Italia ha conosciuto i collaborazionisti di Salò e i partigiani, il fascismo e la resistenza. Solo nel racconto di propaganda, o nella memoria postuma, non esistono crepe. È un’altra cosa che abbiamo imparato: al fronte non c’è mai solo un “noi” contrapposto a un “loro”. All’interno delle comunità spesso sorgono i problemi più spinosi sulla lettura del conflitto e sul modo di affrontarlo. Invece il dibattito europeo e italiano, sulle guerre russo-ucraina e israelo-palestinese, replica spesso contrapposizioni semplificanti, favorito da un giornalismo cui è negato il libero accesso ai luoghi del conflitto. E che conta un numero inaccettabile di professionisti uccisi.

La frustrazione dei gruppi pacifisti italiani, variegati a loro volta, è riassunta nelle dichiarazioni di Alex Zanotelli, che lo scorso 10 dicembre ha fatto appello alla disobbedienza civile e ad «avere il coraggio di andare in prigione». In fondo, quando la guerra è scoppiata è sempre già troppo tardi. Avremmo bisogno di una pace giusta e preventiva.
Continua Brecht: C’è un altro gioco/ da inventare:/ far sorridere il mondo,/ non farlo piangere./ Pace vuol dire/ che non a tutti piace/ lo stesso gioco,/ che i tuoi giocattoli/ piacciono anche/ agli altri bimbi/ che spesso non ne hanno,/ perché ne hai troppi tu;/ che i disegni degli altri bambini/ non sono dei pasticci;/ che la tua mamma/ non è solo tutta tua;/ che tutti i bambini/ sono tuoi amici./ E pace è ancora/ non avere fame/ non avere freddo/ non avere paura.

Da lavialibera n. 24

  • Condividi

La rivista

2023 - numero 24

La pace è un altro gioco

Non esiste una sola pace, ma paci diverse, al plurale. Giuste e ingiuste, stabili e instabili. Per costruirle ci vogliono impegno e fatica, perciò le guerre è meglio prevenirle che curarle

La pace è un altro gioco
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar