Kyiv. Da sinistra a destra, i pacifisti ucraini Katya, Sergey e Yurii Sheliazhenko davanti alla statua di Gandhi/ Foto di Marco Di Marcantonio
Kyiv. Da sinistra a destra, i pacifisti ucraini Katya, Sergey e Yurii Sheliazhenko davanti alla statua di Gandhi/ Foto di Marco Di Marcantonio

Guerre, c'è chi grida: "Non in nostro nome"

Obiettori di coscienza al servizio militare, familiari di vittime e di soldati al fronte sono spesso in prima linea nelle campagne per fermare le guerre. Ma c'è chi li ostacola

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Paolo Valenti

Paolo ValentiRedattore lavialibera

21 dicembre 2023

"Non in mio nome". Maoz Inon, un imprenditore turistico israeliano, continua a ripeterlo dal 7 ottobre scorso, quando l’esercito di Benjamin Netanyahu ha iniziato a bombardare Gaza in risposta all’attacco del movimento militante islamico Hamas nelle città e nei villaggi d’Israele. Nell’assalto, fra gli altri, sono stati uccisi entrambi i genitori di Inon e la sua vita è cambiata. Un cambiamento che a lavialibera definisce "forzato e radicale".

Ciotti: la società del progresso non rinuncia alla guerra

La rivista

2023 - numero 24

La pace è un altro gioco

Non esiste una sola pace, ma paci diverse, al plurale. Giuste e ingiuste, stabili e instabili. Per costruirle ci vogliono impegno e fatica, perciò le guerre è meglio prevenirle che curarle

La pace è un altro gioco
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar