Sumud, esistere per resistere a Gaza

Più di due milioni di palestinesi vivono in appena 360 chilometri quadrati, la Striscia di Gaza. Tra il controllo di Israele e il regime di Hamas, tanti ragazzi sognano un futuro diverso

Carlo Ruggiero

Carlo RuggieroGiornalista

Alessandro Levati

Alessandro LevatiFotoreporter

23 dicembre 2022

Sumud è una parola araba difficile da tradurre. Vuol dire fermezza o perseveranza, ma anche resilienza o resistenza. Eppure, sebbene abbia a che fare con l'azione, non riguarda apertamente la lotta armata. Per i palestinesi è un simbolo nazionale, una strategia politica e un valore culturale. Oggi a Gaza il Sumud si nasconde nella vita di tutti i giorni, fa capolino tra le macerie, i gazawi ci custodiscono la propria umanità.

L’importanza dei figli

Dal 2007 questa sottile lingua di terra è una prigione a cielo aperto. Ci vivono oltre 2 milioni di persone in appena 360 chilometri quadrati. Israele controlla i confini, le coste, lo spazio aereo. E dentro c'è Hamas, col suo regime che limita le poche libertà rimaste. Nel nord della Striscia, a pochi passi da un'enorme discarica, sorge Al-Nada, sobborgo animato da centinaia di bambini. A Gaza gli under 14 sono oltre 800 mila, quasi la metà della popolazione, e nessuno di loro ha mai visto cosa c'è oltre il confine. "Non hanno niente, giocano per strada – racconta Mohammed Almajdalawi, che collabora con le ong internazionali – ma sono contenti lo stesso, per noi sono la cosa più importante". Tra i tanti significati del Sumud qui c'è la lotta demografica: fare figli per rimanere maggioranza e fronteggiare senza armi l'espansione dei coloni sionisti.

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar