Garra Blanca, il tifo organizzato di Colo-Colo, la principale squadra calcistica del Cile. Credits: Wikipedia
Garra Blanca, il tifo organizzato di Colo-Colo, la principale squadra calcistica del Cile. Credits: Wikipedia

Cile, gli ultras del Colo-Colo tifano per la giustizia sociale

Nel rapporto tra la più titolata squadra di calcio di Santiago, la sua tifoseria e la lotta per la democrazia e la giustizia, si ritrova quella passione che accompagna il paese a voltare pagina

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

21 febbraio 2022

In questo numero ospitiamo il contributo di due giovani ragazzi di Libera Campania, Gigi e Giuseppe, che ci portano lontano: in Cile. E ci raccontano come le proteste sociali per accogliere minoranze, diversità e pretendere diritti abbiano trovato voce grazie  al legame speciale tra il  Colo-Colo, la principale squadra calcistica cilena, la più popolare e titolata e  la “Garra Blanca”, il tifo organizzato, che diventa il grido delle persone umili.

Nel processo di cambiamento in atto a Santiago del Cile, dove si è insediato un governo composto da molti giovani, esiste una storia significativa di calcio, tifo e partecipazione popolare. Un percorso che porta dai gradini di uno stadio cittadino alle strade della rivolta sociale; che parte da lontano, fin dagli anni della dittatura di Augusto Pinochet (tra il 1973 e il 1990) e arriva all’oggi. Il ruolo del barrismo, cioè il tifo organizzato, e in particolar modo quello della Garra blanca del Colo-Colo, squadra di Santiago, ha superato l'ambito calcistico, entrando ancora una volta nella storia del paese.

Il club è diventato la rappresentazione del legame tra l’ideale sportivo e quello sociale, lo stadio un luogo politico

Gli ultras di questo gruppo si richiamano a un "barrismo diverso e consapevole" partendo dal presupposto che, prima di essere sostenitori della squadra, i tifosi degli enlutados (il nomignolo dei giocatori del Colo-Colo) sono persone comuni in un contesto segnato da precarietà, discriminazioni, povertà ed estreme diseguaglianze. Oltre all'impegno anti-dittatura, negli ultimi decenni la Garra blanca è stata in prima linea nelle proteste e nelle battaglie sociali. Il 18 ottobre 2019, con l'aumento del costo del biglietto della metropolitana, è entrato in scena un movimento popolare che ha messo in discussione non solo quel rincaro, ma anche l’applicazione di politiche neoliberiste introdotte dopo il golpe dell’11 settembre 1973.

Covid in Sudamerica: il Brasile precipita, Perù ed Ecuador cercano nuove guide

Un processo di radicalizzazione i cui primi frutti sono stati raccolti col referendum del 25 ottobre 2020, quando i cileni hanno votato per l’abrogazione della Costituzione di Pinochet del 1980 e per l’istituzione di un’assemblea costituente eletta a suffragio universale, capace di rappresentare anche i popoli indigeni. Il 19 dicembre 2021, con l’elezione alla presidenza del 36enne Gabriel Boric contro José Antonio Kast, rappresentante degli eredi di “Pinocho”, la Garra blanca – spinta dai sottogruppi più politicizzati, tra cui gli Antifascistas, organizzazione composta anche da collettivi femministi – ha manifestato il proprio apporto con appelli al voto democratico e antifascista, prendendo posizioni nette all’interno delle assemblee. Per risalire alle radici di questa storia dobbiamo riavvolgere il nastro, rimescolando la storia del paese con quella calcistica. 

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar