Povertà educativa

Con povertà educativa si intende la condizione che impedisce a bambini e ragazzi di accedere al loro diritto di apprendere e ricevere una formazione. Non si tratta però solo di una questione di scuola e di istruzione, ma di una più generale condizione di accesso alle opportunità culturali, intese in senso ampio: giochi, libri, film, musei, sport e qualsiasi altra cosa possa contribuire alla crescita e allo sviluppo dei minori. Tra le cause della povertà educativa figurano sicuramente disuguaglianze economiche e sociali. Studi e statistiche lo confermano: chi cresce in un nucleo familiare con scarse risorse economiche è meno a contatto con stimoli educativi e fa più fatica a imparare e a progredire. Anche per questo motivo, l’ascensore sociale resta bloccato. Vivere in condizione di povertà educativa oggi significa avere più probabilità di sperimentare la povertà economica domani. Ma come si risolve la povertà educativa? Ovviamente non esiste una ricetta unica. Una questione complessa richiede interventi ampi e integrati, per abbattere le disuguaglianze, garantire il welfare e assicurare la presenza e l’accesso dei presidi culturali e formativi in tutti i territori e per chiunque.

6 aprile 2022, il presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro dell'Economia Daniele Franco presentano Documento di economia e finanza (Def), approvato dal Consiglio dei Ministri (Foto Governo.it - licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT)

La vita peggiora

Il Documento economico finanziario del governo Draghi non fa nulla per correggere un modello di sviluppo sbagliato, mentre il rapporto Benessere equo e sostenibile dimostra che le condizioni di vita peggiorano ancora

Giuseppe De Marzo

Giuseppe De MarzoCoordinatore nazionale Rete dei numeri pari

Il murales "Sangue e latti" realizzato da Igor Scalisi Palminteri nel quarteire Sperone a Palermo. Per il suo lavoro nelle periferie l'artista è stato ascoltato dalla commissione (Facebook)

In Sicilia l'Antimafia indaga le condizioni dei minori

Nelle periferie siciliane, dallo Zen a Palermo al quartiere Librino a Catania, molti giovanissimi frequentano la scuola in maniera irregolare. Un problema di cultura, ma anche una grave mancanza delle istituzioni, incapaci di fornire strutture e …

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

28 aprile 2021, Napoli. Il busto del 'baby boss' Emanuele Sibillo, ucciso in un agguato di camorra, portato via dai carabinieri dalla cappella votiva allestita nel palazzo del centro storico dove risiede la famiglia (Ciro Fusco/Ansa)

Giovani gangster si fanno strada a Napoli

Dietro l'esplosione di violenza giovanile a Napoli, sembra esserci una particolare lotta di classe di giovani usciti da famiglie senza istruzione e lavoro. Se nelle periferie europee è il segnale di un fallimento dell'integrazione, qui è …

Isaia Sales

Isaia SalesProfessore di Storia delle mafie

(Kio Azuma/Unsplash)

Disuguaglianze a scuola: una questione di classe

Il sistema educativo italiano accentua le disuguaglianze. Il percorso scolastico è influenzato dal contesto sociale e familiare ma è nel passaggio dalle medie alle superiori che si crea una frattura difficilmente sanabile

Marco Romito

Marco RomitoRicercatore

Davide Romanelli

Davide RomanelliGrafico

Foto di Katerina Holmes/Pexels

Abbandono scolastico in Italia, la diaspora dei ragazzi fragili

L'abbandono scolastico precoce in Italia interessa ancora un numero troppo elevato di ragazzi. Un fenomeno esteso, con cause complesse e conseguenze dannose, che rischia di essere ulteriormente alimentato dall'emergenza pandemica. Per contrastarlo …

Francesco Rossi

Francesco RossiGiornalista e consulente lavialibera

Guardiamo il mondo
con occhi diversi

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar