Reati informatici

Con l’espressione reati informatici (o cybercrime) si intendono una serie di crimini compiuti attraverso supporti digitali, informatici o telematici, con lo scopo di compromettere o distruggere beni o informazioni riservate. Per dirlo più semplicemente, si tratta di reati che viaggiano su internet. I crimini informatici sono stati introdotti nel codice penale italiano dalla legge 547/1993, poi integrata con il decreto legislativo 231/2001. La normativa raggruppa i diversi tipi di cyber crimes organizzandoli nelle seguenti categorie: frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso, diffusione di hardware e software finalizzati a danneggiare sistemi e intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche. La competenza investigativa sui reati telematici è essenzialmente affidata alla polizia postale. L’importanza crescente che questi crimini stanno assumendo è la naturale conseguenza della sempre più massiccia digitalizzazione dell’economia, del lavoro e della vita quotidiana.

Nunzia Ciardi, direttrice della Polizia postale

Boom di attacchi ransomware: "Dietro, clan transnazionali"

Crescono i reati online: pedopornografia, adescamenti, truffe e crimini finanziari, opera anche della criminalità organizzata. Intervista a Nunzia Ciardi, direttrice della Polizia postale, che registra una crescita esponenziale di denunce relative …

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

lavialibera sotto l'albero:

3 box regalo per festeggiare informati

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar