Lavoro povero

Il lavoro povero – o in-work poverty è la condizione che si verifica quando una persona occupata guadagna talmente poco da non riuscire a soddisfare i suoi bisogni primari.

L’Unione europea considera lavoratore povero colui che è impiegato per almeno 6 mesi l’anno e fa parte di un nucleo familiare che si trova in condizione di povertà relativa. I lavoratori poveri possono essere dipendenti, autonomi, atipici, non standard e in molti casi dietro la loro condizione si associa a contratti mal pagati, precari e senza tutele.

La situazione in Europa e in Italia

Secondo i dati Eurostat, nel 2021 l'8,9 per cento dei lavoratori dell'Unione europea è a rischio povertà, con fattori quali età, cittadinanza e livello di istruzione che incidono in modo significativo.

Altro elemento di cui tenere conto è l'intensità lavorativa, ossia il rapporto tra il numero totale di mesi in cui tutti i membri della famiglia in età lavorativa hanno lavorato durante l’anno di riferimento del reddito e il numero totale di mesi che gli stessi membri della famiglia avrebbero teoricamente potuto lavorare nello stesso periodo.

Secondo la ricerca, in tutti i paesi Ue a eccezione di Belgio, Irlanda e Finlandia oltre il 20 per cento degli adulti che appartengono a nuclei familiari a bassa intensità lavorativa è a rischio povertà.

In altri Stati, fra cui l'Italia, il dato supera il 40 per cento. La povertà non risparmia neppure chi lavora tanto: in Ue il 9,4 per cento delle famiglie a elevata intensità lavorativa è a rischio povertà. In Italia, è a rischio povertà l’8,3 per cento delle famiglie a intensità lavorativa alta.

I lavoratori più a rischio appartengono alla fasce fragili della popolazione: donne, stranieri, giovani, persone con basso titolo di studio e modesta estrazione sociale.

Salario minimo

Per contrastare il lavoro povero, il salario minimo rappresenta uno degli strumenti più importanti, da affiancare a maggiori diritti e tutele dei lavoratori.

Il 14 settembre 2022 la Commissione europea ha approvato una direttiva sul salario minimo, che dovrà essere recepita dagli Stati membri entro due anni dall'entrata in vigore, ossia entro il 15 novembre 2024. Tale direttiva prevede salari minimi adeguati nei paesi che hanno introdotto nel loro ordinamento legislativo il salario minimo.

In Italia e in tutti quei paesi dove al momento non esiste una legge in tal senso, la direttiva non impone alcun vincolo e si limita a rafforzare il coinvolgimento delle parti sociali sul monitoraggio e la raccolta dati e sull’applicazione dei minimi salariali.

L'attore e regista Michele Riondino dietro la cinepresa durante le riprese del film "Palazzina Laf" (Foto di Maurizio Greco)

"Palazzina Laf" di Riondino, scomodo ma necessario

In "Palazzina Laf", Michele Riondino esordisce come regista con una storia molto sentita su Taranto, l'acciaieria Ilva e le condizioni dei lavoratori e del territorio

Andrea Zummo

Andrea ZummoReferente provinciale di Libera Torino

Le noci di anacardio vengono seccate al sole prima dell'esportazione negli hangar della Guinea-Bissau

Anacardi, aperitivo a spese della biodiversità

In meno di vent'anni la Guinea-Bissau è diventata uno dei principali produttori al mondo. Ma l'espansione delle coltivazioni distrugge le foreste e rende i contadini schiavi della domanda internazionale. Il reportage

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

I finalisti della rassegna a Cosenza

Non sono solo canzonette

La band emiliana dei Malvax ha trionfato al Music for change: rassegna che fonde spettacolo e spirito civico, denunciando il lavoro precario

Cristina Palazzo

Cristina PalazzoGiornalista

Articolo solo per iscritti
Rider a Torino. Foto: Rosita Rijtano

Glovo traccia i rider anche fuori dal lavoro

Lo dimostra la prima indagine tecnica sull'app italiana di Glovo che lavialibera ha potuto leggere in anteprima. L'analisi, pubblicata dall'European trade union institute, suggerisce l'esistenza di "un pervasivo sistema di raccolta dati". Il Garante …

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Sopralluoghi nella stazione di Brandizzo dove un treno ha travolto e ucciso 5 operai a Torino. Foto Ansa

Strage di Brandizzo, Revelli: "Il lavoro è indifeso"

La tragedia nel torinese, costata la vita a cinque lavoratori, travolti da un treno mentre sostituivano dei binari, è una diretta conseguenza dell'ultima evoluzione del capitalismo, mentre i politici "vivono su un altro pianeta" e i sindacati "si …

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Informarsi è un gesto radicale

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Per rimettere in gioco un futuro che sembra già scritto

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar