Lavoro povero

Lavoro povero, secondo il significato che gli attribuisce l’Enciclopedia Treccani, è quello remunerato con un salario talmente basso da trovarsi al di sotto della soglia di povertà. L’Unione europea, invece, nelle sue rilevazioni statistiche, considera lavoratore povero colui che è impiegato per almeno 6 mesi l’anno e fa parte di un nucleo familiare che si trova in condizione di povertà relativa. In questo secondo modo, la definizione si allarga fino a ricomprendere il variegato popolo di coloro che lavorano ma fanno comunque fatica a provvedere al sostentamento personale e dei propri cari. Dentro c’è di tutto: dipendentiautonomiatipicinon standard. I working poor sono in gran parte l'effetto collaterale di contratti precari, senza tutele e mal pagati
In Italia, secondo i dati Ue i lavoratori poveri sono l’11,8% (la media europea è 9,2%); ma i numeri sono fermi al 2019 e non tengono conto dei pesanti effetti della pandemia. Come prevedibile, coloro che sono più a rischio di diventare lavoratori poveri appartengono alla fasce più fragili della popolazione: donne, stranieri, giovani, persone con basso titolo di studio e modesta estrazione sociale. Dibattere di lavoro povero, quindi, è cruciale per lo sviluppo futuro, sia economico che sociale. Il salario minimo è senza dubbio uno degli elementi più importanti sul tavolo, ma è anche necessario rimettere al centro del dibattito diritti e tutele dei lavoratori

Foto di Marco Bianchetti/Unsplash

Cooperazione contro precarietà e disuguaglianze

Il lavoro in Italia è instabile, povero e non retribuito a sufficienza. Cinque proposte per una società più equa e giusta, che ridia credibilità alla democrazia

Giuseppe De Marzo

Giuseppe De MarzoCoordinatore nazionale Rete dei numeri pari

Articolo solo per abbonati
(Marten Bjork/Unsplash)

Dimissioni volontarie, è davvero una rivoluzione culturale?

Durante la pandemia tante persone hanno scelto di abbandonare il loro impiego: è il fenomeno della Great resignation. Non è chiaro se si tratti di una svolta epocale o soltanto di un fisiologico andamento del mercato del lavoro

Marco Panzarella

Marco PanzarellaRedattore lavialibera

Il ministro del Lavoro Andrea Orlando (Governo.it / CC-BY-NC-SA 3.0 IT)

Il ministro Orlando: "Il futuro del lavoro passa dai diritti digitali"

Algoritmi che valutano le prestazioni, app che fanno incetta di dati: un modello che si sta espandendo anche in settori tradizionali dell'economia. Intervista al ministro del Lavoro Andrea Orlando

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

(Marten Bjork/Unsplash)

La grande fuga dal lavoro

Povertà, infortuni, morti, nuove forme di sfruttamento, malessere e stress. Siamo certi che a queste condizioni lavorare sia ancora una forma di libertà?

Elena Ciccarello

Elena CiccarelloDirettrice responsabile lavialibera

Un palazzo di uffici a Manhattan (Vladimir Kudinov/Unsplash)

La società della performance soffre e non sa più sognare

Il lavoro fagocita gran parte del nostro tempo e la sfera personale rischia di fondersi con quella professionale, in un meccanismo che può provocare dolore fisico e mentale. La psicoterapeuta Agnese Donati spiega dove nasce il malessere e da quali …

Marco Panzarella

Marco PanzarellaRedattore lavialibera

Articolo solo per abbonati

Guardiamo il mondo
con occhi diversi

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar