(Rishabh Dharmani/Unsplash)
(Rishabh Dharmani/Unsplash)

La sconfitta e l'inutile ricerca dell'identità

Dopo una sconfitta elettorale, i partiti ricercano la propria identità. Dopo una disfatta, per ripartire e riabilitarsi molti pensano a riappropriarsi del "chi siamo", ma è solo un'illusione. Si cerca l'essere, trascurando il divenire e le possibili soluzioni per ripartire

Francesco Remotti

Francesco RemottiProfessore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

25 novembre 2022

Quando qualcosa va storto o qualcuno si trova in difficoltà – per esempio, l’insuccesso di un partito politico – tanto gli amici e sostenitori quanto gli antagonisti e avversari, suggeriscono di ritrovare l’identità perduta oppure di inventarsene una nuova, più robusta e convincente. Si ritiene che il primo passo per uscire dalla crisi consista nel decidere o nel prendere coscienza del “chi siamo”: si pensa cioè che occorra capire quale sia o debba essere la nostra identità, come condizione preliminare per una futura riabilitazione. Si ritiene, inoltre, che quanto più forte fosse la nostra identità, tanto più otterremmo un valido riconoscimento.

Rosy Bindi: Il Paese ha bisogno di una nuova sinistra

Un’altra voce

"Lungi dal garantire vitalità e successo, di identità si muore"

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar