Le parole di Lucarelli: scelta

Una volta, tanti anni fa, ho intervistato un ex agente di polizia che, a ogni cambio di regime, si era occupato dei suoi ex colleghi. Gli chiesi per chi votasse: "Cosa c'entra? Sono un poliziotto". Altri poliziotti presero decisioni diverse. Per questo la parola scelta può assumere un significato diverso

Carlo Lucarelli

Carlo LucarelliScrittore, sceneggiatore e conduttore televisivo

25 novembre 2022

Scelta.

S.f. 1: Libero atto di volontà per cui, tra due o più offerte, proposte, possibilità o disponibilità, si manifesta o si dichiara di preferirne una (in qualche caso anche più di una), ritenendola migliore, più adatta o più conveniente delle altre, in base a criteri oggettivi oppure personali di giudizio, talora anche dietro la spinta di impulsi momentanei, che comunque implicano sempre una decisione.

Indicazione o assunzione in base a una preferenza motivata da una valutazione oggettiva o soggettiva di caratteristiche e requisiti nei confronti di una disponibilità più o meno larga o di un’alternativa.

Una volta, tanti anni fa, ho intervistato un anziano signore, da tempo in pensione, che era stato quarant’anni nella polizia. Dal 1941 all’81, sempre più o meno ad occuparsi di politica.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar