Roma, 12 agosto 2022. Linda Cerutti nel corso della gara di nuoto sincronizzato, categoria "Solo libero", agli Europei (Pasquale Mesiano/DBM)
Roma, 12 agosto 2022. Linda Cerutti nel corso della gara di nuoto sincronizzato, categoria "Solo libero", agli Europei (Pasquale Mesiano/DBM)

Linda Cerruti, ovvero il corpo per un'atleta

La campionessa di nuoto artistico ha postato una sua foto che la ritrae capovolta, con le medaglie vinte appese sulle gambe. Si è discusso dei messaggi volgari ricevuti, ma non del valore del fisico per le agoniste, che va oltre l'apparenza

Lucilla Andreucci

Lucilla AndreucciResponsabile settore Sport di Libera

25 novembre 2022

Prendetevi tre minuti di tempo per vedere almeno un video di una delle esibizioni di Linda Cerruti, nuotatrice artistica originaria di Savona. Sceglietene magari una dagli ultimi campionati europei di Roma: sono circa duecento secondi che raccontano un talento, una specialità che pochi conoscono e un sogno realizzato da una campionessa che ha conquistato, in questa competizione gloriosa per il nuoto azzurro, otto medaglie (sei d’argento e due di bronzo), che portano il suo bottino di gloria a 28 medaglie totali (24 europee e quattro mondiali). Una in meno dei suoi 29 anni, dei quali ventidue spesi in acqua.

C'è ancora bisogno di femminismo

Un’estate da capogiro

Il corpo di un atleta è bellezza, armonia, equilibrio, tutti frutti di lavoro e fatica; di dolore che non ti ferma

Al termine delle gare, Linda ha deciso di festeggiarsi con orgoglio e un pizzico di legittima vanità in una posa per lei naturale, a testa in giù e con le otto medaglie appese alle gambe, divaricate in una spaccata perfetta. La foto è stata postata il 22 agosto e subito è diventata il trampolino per una grandinata di commenti social con volgarità, ammiccamenti, insulti alla donna e alla campionessa. Sorpresi? Purtroppo no. La gentilezza è la vera rivoluzione, l’etica sull’estetica ancora di più. Almeno lo sport dovrebbe essere immune dallo sguardo malizioso e maligno. Il corpo di un atleta è bellezza, armonia, equilibrio, tutti frutti di lavoro e fatica; di dolore che non ti ferma, pugni stretti, denti serrati, cerotti, antidolorifici, lacrime inghiottite; di determinazione a non mollare anche quando pensi che un tendine si staccherà dopo un secondo. Il corpo di un atleta è una medaglia vinta in partenza, è disciplina applicata nel tempo e nel rigore. È un corpo bello perché modellato da ore di ginnastica, da un’alimentazione che non concede spazio a trasgressioni. Si disegna così, soltanto attraverso una dedizione assoluta. Una vita operaia di sacrifici e rinunce.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar