Un giocatore d'azzardo in una sala slot a Las Vegas (John Schnobrich/Unsplash)
Un giocatore d'azzardo in una sala slot a Las Vegas (John Schnobrich/Unsplash)

"Mia moglie pensava avessi l'amante, invece era l'azzardo"

Dal poker con gli amici alla solitudine davanti alle videolottery, Mattia, agente di commercio di 51 anni a lungo affetto da gioco d'azzardo patologico, racconta come ha perso 300mila euro e poi ritrovato se stesso e gli affetti

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

19 luglio 2021

Mattia parla con rilassatezza e profondità: "Mi fa bene parlarne. Non mi rende triste, mi dà un senso di libertà". Il peggio è alle spalle, ma preferisce nascondere il suo vero nome, il volto, la voce, in un misto di riservatezza e vergogna per essersi fatto sottrarre tempo, denaro (quasi 300mila euro) e affetti dalle slot machine. Ha 51 anni, abita nella provincia di Torino. Ha studiato e ha un buon lavoro, fa l’agente di commercio. Da quasi tre anni segue un percorso per uscire dal gioco d’azzardo patologico, una delle nuove dipendenze slegate dai consumi di sostanze. "Dipendevo dalle videolottery (Vlt), quelle macchinette che trovi nelle sale gioco. Consente di giocare – purtroppo - anche cifre molto alte perché accetta banconote", spiega.

Mattia, come ha cominciato a giocare d’azzardo?
Giocavo a poker, al Texas Hold’em, nei casinò e nei circoli; partecipavo a tornei a Torino, Milano o altrove. Ma non è stato quello a spingermi verso la dipendenza, non si usano contanti, si paga un’iscrizione e si ottengono delle fiches, una volta finite si torna a casa. Chi vince prende una percentuale del montepremi. Era come uscire tra amici, a volte sembrava di andare in gita: ci si incontrava, si beveva qualcosa, a volte si andava a cena e poi si faceva il torneo. Accadeva di rado perché ci si doveva spostare, una volta al mese, al massimo una ogni due settimane. Dal punto di vista economico era poco impattante, ma era comunque un gioco d’azzardo, non voglio nascondermi. Non sono mai stato attirato da gratta e vinci, lotto o scommesse, ma col Texas Hold’Em era diverso: c’è un discorso di probabilità e di confronto con un avversario. Era abbastanza stimolante. Poi niente, ho avuto un approccio con le Vlt.

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar