Termovalorizzatore di Torino. Foto: digi.to
Termovalorizzatore di Torino. Foto: digi.to

Inceneritore di Roma, una scelta incoerente

Il sindaco Roberto Gualtieri non ha mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale: puntare sull'economia circolare e investire in progetti finalizzati alla neutralità climatica e all'azzeramento delle emissioni climalteranti

Giuseppe De Marzo

Giuseppe De MarzoCoordinatore nazionale Rete dei numeri pari

21 settembre 2022

Roma brucia! Da metà giugno a metà luglio ci sono stati almeno 174 roghi. Il più grave lo scorso 9 luglio, quando un incendio è divampato nella periferia est della città. A prendere fuoco anche i depositi di autocompattatori, che da anni aspettano di essere rimossi per ragioni di sicurezza, e gli sfasci abusivi di autodemolizione su via Palmiro Togliatti. Sulla natura degli incendi indaga la procura di Roma, che ha acquisito i dati dell’Arpa e valuta l’ipotesi di disastro ambientale. Per avere un’idea del rischio per la salute, basti pensare che dopo l’incendio i livelli di diossina e di altri composti tossici e cancerogeni sono stati 35 volte superiori a quelli stabiliti dall’Oms. Per questo la procura indaga non solo sulla natura dolosa dell’incendio, ma anche sulle eventuali responsabilità per la mancata manutenzione della città. Se ci sia stato dolo e se la regia sia unica ancora non è stato accertato. Sicure sono invece le mancanze sulla manutenzione: gli idranti fuori uso, l’assenza di personale tra i vigili del fuoco e di attenzione, investimenti e controlli per garantire la sicurezza di chi vive nelle periferie. 

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar