Libera Rugby Roma: una mischia inclusiva

Da dieci anni a Roma la squadra Libera Rugby, gay friendly, sfida avversari e discriminazioni. Prossima meta: un mondiale speciale nella capitale

Lucilla Andreucci

Lucilla AndreucciResponsabile settore Sport di Libera

22 dicembre 2022

Ci si può sentire a disagio anche in un campo di calcio, di basket, di rugby. Ci si può sentire fuori posto anche facendo parte di una squadra. Ci si sente soli quando non si è liberi di essere. Accade, ancora oggi, anche nello sport. Così un bel giorno del 2013 Stefano e Andrea, che amano il rugby, hanno fondato a Roma Libera rugby, con l’idea di inventare un luogo dove nessuno debba più sentirsi a disagio, fuori posto, solo. 

L’inclusione

"Con noi tutti si sentono di poter essere nel mondo quello che desiderano e sentono di essere"Nicola Zito - presidente Libera Rugby

Libera Rugby (che – va precisato – è una realtà indipendente dalla rete associativa di Libera, pur condividendo l’omonimia e l’interesse per la difesa dei diritti) è una squadra diversa da tutte le altre squadre proprio perché non contempla il concetto di “diversità”, anzi lo mette proprio fuori campo, una squadra “gay inclusiva”, cioè aperta a omosessuali ed eterosessuali, senza andare a controllare l’inesistente carta di identità di genere.

Ci si allena insieme, con i coach Valerio e Mario, due volte a settimana (lunedì e giovedì) al parco degli Acquedotti. Basta andare a provare, visita medica di idoneità sportiva e ci si butta nella mischia. Buon rugby a tutti, sport considerato “maschio” per eccellenza e anche nobile nei comportamenti richiesti dal codice di regolamento e universalmente accettati. Perché c’era bisogno di una squadra così? Lo spiega Nicola Zito, dal 2017 presidente della società: "La prima ragione è che sono successi episodi dove ragazzi gay hanno vissuto in campo momenti di imbarazzo. Poi perché abbiamo incontrato tante storie di chi, nella vita reale, non riesce a dichiararsi e si costringe a restare nascosto. Con noi tutti si sentono di poter essere nel mondo quello che desiderano e sentono di essere".
Sui canali social, Libera Rugby si descrive così: "La prima associazione sportiva dilettantistica italiana che promuove la diffusione del gioco del rugby nella comunità Lgbt. Libera è una squadra inclusiva, cioè garantisce che ogni individuo possa partecipare all'attività sportiva e sociale della squadra senza subire discriminazioni a causa di orientamento sessuale, razza, origine etnica, credo religioso, nazionalità, età, abilità fisica o mentale".

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar