Il noi come maschera dell'io

Anziché essere "protagonisti del cambiamento", è meglio essere partecipanti. Il fondamento della partecipazione non è l'unanimità, ma il dialogo, che è anche conflitto

Roberto Merlo

Roberto Merlopsicoterapeuta

28 gennaio 2020

  • Condividi

Va di gran moda pensare che per produrre cambiamento – anche quello “giusto” e “corretto” – bisogna diventare protagonisti, modelli, condottieri o giù di lì. Anche nel sociale questa sembra essere la strada maestra: apparire, far parlare di sé, essere leader nei social e così via. Il contrario del protagonista è il partecipante, colui che è “parte di” questo mondo e contribuisce a renderlo abitabile in tutti i sensi possibili e per tutti coloro per cui può. Per partecipare si ha assoluto bisogno di essere persona in relazione con altre persone e non individui unici e “salvatori”. Da soli non si partecipa a niente.

Per il partecipante la fragilità e la parzialità sono virtù: nell’essere parte è implicito il fatto di non essere il tutto, pertanto la partecipazione esiste anche quando si è nel torto e nel difetto. La perfezione invece è unica e sola, presuppone solo sé stessa, non prevede l’esistenza di altre posizioni. Per il partecipante i fenomeni umani sono parola e significato né buono né cattivo, né accettabili né eliminabili: sono, prima di tutto, significati e significanti. Per il partecipante l’altro non è da cambiare, ma da con-patire e la comprensione dell’altro gli è indispensabile per conoscere sé stesso attraverso il confronto e l’identificazione delle similitudini e delle diversità.

Si potrebbe obiettare che questa posizione consente al tiranno e all’ingiusto di dominare e di compiere soprusi e abomini, rendendo necessario il sopraggiungere di un eroe che uccida il tiranno. Ma i partecipanti ricordano quanti eroi liberatori sono diventati tiranni e che sono le vittime, e non gli eroi, ad aprire alla speranza. Il pensiero qui non può non andare a Falcone e Borsellino. I partecipanti sanno che la partecipazione presenta dei “difetti” in nome dei quali viene relegata all’ultimo posto dei modelli delle interazioni sociali: si perde tempo, si rischia di non decidere e che altri decidano per te senza poterli fermare, si rischia di dare spazio ai protagonismi o alla volontà di soggiogare, alla furbizia e all’individualismo di alcuni. I partecipanti lavorano su tempi lunghi: decenni. Rifiutano i progetti e le strategie che promettono tutto, qui e ora. I partecipanti sanno anche che il fondamento della partecipazione non è l’unanimità, che serve solo per non decidere, ma il dialogo, che è anche conflitto.

Il presupposto del dialogo è l’esistenza di tante minoranze con posizioni diverse che cercano la dialettica e non il compromesso, come avviene in diverse forme di rappresentanza. Sanno anche che esistono regole di partecipazione che sono efficaci antidoti per furbi e narcisi come la pratica del dubbio e della falsificazione della decisione presa. La partecipazione, se è vera, genera l’innovazione e lo stupore. Non lo stupore di fronte allo “strabiliante”, ma quello che si esprime di fronte all’inaspettato, a ciò che sin a quel momento non era ancora stato visto, anche se presente. I partecipanti aborrono la moda della partecipazione, il “bisogna che tutti siano protagonisti” – paradosso mortifero – le assemblee come platea del parlare per essere approvati e così via. Sanno che la partecipazione è cammino incerto, è pellegrinaggio, è lavoro in team, è far fare, è processo e non atto o somma di atti. Insomma è come un fiume e un fiume non è solo acqua ma anche sponde. Senza sponde un fiume dilaga, si perde, si estingue.

Da lavialibera n° 1 gennaio/febbraio 2020

  • Condividi

La rivista

2023 - numero 24

La pace è un altro gioco

Non esiste una sola pace, ma paci diverse, al plurale. Giuste e ingiuste, stabili e instabili. Per costruirle ci vogliono impegno e fatica, perciò le guerre è meglio prevenirle che curarle

La pace è un altro gioco
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar