L'impegno sociale non è da sfigati

"Ho ascoltato molti convegni, ma le parole restano astratte. Dovete spiegarci come trasformarle in azione". Le riflessioni di una giovane studentessa sull'educazione civica a scuola

Nicole Abbate

Nicole Abbatestudentessa del liceo linguistico Salvatore Pizzi di Capua (Ce)

31 marzo 2022

  • Condividi

Noi adolescenti viviamo con superficialità i nostri giorni e, soprattutto dalle mie parti, in provincia di Caserta, l’impegno sociale viene visto da tanti come una cosa da sfigati. A casa mia (direi purtroppo) si parla spesso, anche troppo, di politica e di camorra, argomenti sui quali quasi per inerzia sono stata costretta a informarmi.

Durante le scuole medie ho ascoltato convegni sulla criminalità, ma mai nessuno ha pensato di portarci nei luoghi dove ha vissuto don Peppe Diana, un paese confinante a quello in cui vivo; nessuno mi ha mai letto o ci ha invitato a riflettere sulla sua lettera che portò alla sua morte. Ho vissuto l’impegno di don Peppe come un fatto astratto e non come qualcosa di reale, capace di migliorare il percorso di tanti giovani.

L'analfabetismo funzionale si nutre di disuguaglianze

Ho ascoltato le parole di magistrati e giornalisti, ma dopo le parole non ho mai visto seguire i fatti concreti che ci invogliassero a un impegno concreto. Ho capito che troppe volte si preferisce il grigio, impedendo a tanti di urlare contro la parte sbagliata perché altrimenti il meccanismo si inceppa, le opere diventano difficili da realizzare per i politici, l’economia si ferma, il consenso cala. Tanto basta inflazionare la parola legalità.

Eh già, perché la camorra, come altre forme di criminalità, ha cambiato pelle e modo di agire e reclutare: ora investe per formare la futura classe dirigente e continuare così a lucrare ai danni dei cittadini e dello Stato in modo quasi legale. Soprattutto nei piccoli centri, da quel che leggo, quel che vedo e quel che vivo, c’è commistione tra controllato e controllore, un intreccio schifoso tra poteri istituzionali (politici e non) ed economici che rende vani i passi avanti fatti contro la criminalità organizzata.

Abbonati a lavialibera con la Carta del docente

Allora vorrei che nelle ore di educazione civica mi raccontassero le gesta del comandante di stazione dei carabinieri Baldo Nero (morto da quasi un anno a causa del Covid), che oltre ad aver “ripulito il mio paese” dalla criminalità e dai colletti bianchi, è stato per tanti (più grandi di me) davvero una guida per la comunità e un educatore. In questo modo il suo lavoro e il suo esempio non rimarranno vani, ma saranno proseguiti. Vorrei che mi parlassero della vita, dell’impegno, delle giornate fuori dalle carceri per cercare notizie e anche delle difficoltà della giornalista Rosaria Capacchione, minacciata dalla camorra, affinché la stampa ricominci a fare inchieste senza paura del potente di turno e della perdita delle pubblicità dei potentati economici. Vorrei che la lettera di don Peppe Diana fosse affissa in ogni scuola e che tanti conoscessero l’impegno del “maestro” Gianni Maddaloni, che con la sua palestra a Scampia “ruba” manovalanza ai clan.

Credo e voglio che l’educazione civica, ritornata obbligatoria, ci sproni a impegnarci per il bene delle nostre terre.

Da lavialibera n°13 

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar