Guerra in Ucraina, umanità alla frontiera

Ucraina e Polonia sono separate da seicento chilometri di confine e da otto valichi, tra cui quelli di Medyka e di Budomierz. Qui arrivano molte famiglie in fuga: a un mese dall'inizio del conflitto, hanno lasciato il Paese circa 4 milioni di persone

Valerio Muscella

Valerio MuscellaFotoreporter

Francesco Pistilli

Francesco PistilliFotografo freelance

31 marzo 2022

Secondo l’Alto commissariato del’Onu per i rifugiati (Unhcr), al 24 marzo sono oltre 3,7 milioni le persone che hanno lasciato l’Ucraina per fuggire nei paesi vicini, soprattutto in Polonia e Romania. Anche se i numeri sembrano purtroppo destinati a crescere di ora in ora. Molte di loro raggiungono il confine con la Polonia arrivando da tutto il territorio ucraino, soprattutto da città come Kiev e Kharkiv. Il viaggio verso l’Unione europea spesso è durato giorni a causa delle file di auto che si sono formate lungo la strada, e delle attese nella stazione ferroviaria di Leopoli, ultima grande città ucraina prima del confine.

La maggior parte degli sfollati ucraini sono donne con bambini e famiglie con animali domestici al seguito. Per gli uomini uscire dall’Ucraina è più difficile, perché con l'avanzata dei russi il presidente Volodimir Zelensky ha vietato a tutti i maschi tra i 18 e i 60 anni di lasciare il paese. Alcuni arrivano comunque alla frontiera, abbracciano mogli e figli e tornano indietro a combattere. 

La Polonia e l’Ucraina sono separate da seicento chilometri di confine e da otto valichi. I maggiori sono quelli di Medyka e di Budomierz. Una volta oltrepassati i confini polacchi, i rifugiati vengono accolti in strutture temporanee come scuole, hotel, centri commerciali in disuso e campi allestiti nei parcheggi. Dopo una breve sosta, la maggior parte di loro continua il viaggio verso amici e familiari nel resto d’Europa. Oltre ai cittadini ucraini scappano anche cittadini di diverse nazionalità, provenienti dal Medio Oriente, dall’Asia minore e dall’Africa sub-sahariana, che si trovavano nel paese per diversi motivi: studio, lavoro o semplicemente per attraversarla per raggiungere l’Europa. Per loro, il passaggio è spesso ancora più complicato e pericoloso, perché ai valichi il trattamento distingue tra ucraini e stranieri, non considerando questi ultimi profughi con uguali diritti. 

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar