Giovani di origine subsahariana salgono su un bus diretto a Varsavia. Credits: Valerio Muscella
Giovani di origine subsahariana salgono su un bus diretto a Varsavia. Credits: Valerio Muscella

Polonia, la solidarietà a metà

Il Paese sta accogliendo i profughi ucraini in fuga dalla guerra, ma lo stesso trattamento non è stato riservato a quelli di altre nazionalità, in certi casi abusati e maltrattati

Fabio Turco

Fabio TurcoGiornalista

31 marzo 2022

Przemysl è una cittadina polacca di 60mila abitanti nell’estremo sud est della Polonia, distante meno di 15 km dal confine con l’Ucraina. Antico crocevia di popoli, nelle ultime settimane l’elegante stazione ferroviaria di eredità asburgica è diventata uno dei centri principali dell’emergenza migratoria che sta investendo il Paese. Qui arrivano i treni provenienti da Leopoli, e sempre qui fanno tappa i rifugiati in arrivo dal vicino valico di Medyka. Da quando è scattata la crisi, l’interno dell’edificio si è trasformato in una bolgia.

Circa un milione e mezzo di ucraini ha già oltrepassato il confine, ma il numero potrebbe salire a cinque milioni. A Varsavia, nel giro di due settimane, la popolazione è aumentata di 250mila persone

La prima impressione atterrisce: decine di corpi stanchi, sguardi smarriti, persone aggrappate alle poche prese disponibili per ricaricare il telefono. A terra, borse e borsoni, coperte e trasportini per gli animali. Tuttavia, il caos di Przemysl è stranamente ordinato. Un’ala della stazione è stata riservata alla prima accoglienza, dove gli sfollati possono sedersi e ricevere un pasto caldo. Sull’altro lato, un corridoio gremito di persone introduce all’infermeria. Al centro, c’è il grande atrio affollato da parenti, amici e conoscenti venuti a prendere i loro cari, ma anche da chi è giunto qui in macchina per offrire un passaggio a Katowice, Cracovia, Varsavia, fino ad arrivare a Praga e Berlino.

La nostra cronaca al confine tra Polonia e Bielorussia 

Accoglienza, ma non per tutti

Se la situazione a Przemysl è caotica ma gestibile, più complicata è quella di Medyka, dove file chilometriche costringono la gente a restare all’addiaccio per molte ore, a volte per più di un giorno. Sono quasi un milione e mezzo le persone entrate in territorio polacco dall’inizio del conflitto e si pensa che in poco tempo possano arrivare a 4-5 milioni. 

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar