Beni comuni

I beni comuni, secondo la definizione elaborata da Stefano Rodotà, si caratterizzano perché strumentali al godimento dei diritti fondamentali della persona. Per questa ragione, la loro gestione deve essere collettiva, superando la dicotomia tra pubblico e privato. Sono beni comuni, quindi, aria, acqua, foreste e, in generale, tutte le risorse naturali, nonché quelle archeologiche, ambientali e culturali.

 

A livello internazionale, la teoria della gestione collettiva dei beni comuni è stata ampiamente elaborata da Elinor Ostrom, politologa statunitense e Premio Nobel per l’economia nel 2009. È stata lei la prima a contestare il modello della “Tragedia dei beni comuni”, che negava la possibilità di identificare una terza via tra libero mercato e statalismo. In Italia, uno dei momenti di massima mobilitazione sull’argomento è stata la campagna referendaria per l’acqua pubblica del 2011. Oggi, il tema dei beni comuni si intreccia con le grandi questioni ambientali, con le lotte per i diritti sociali e con le nuove elaborazioni su democrazia e cittadinanza.

La sala che ospita la tomba di Kha al museo egizio di Torino

"Avrò pace solo quando tutti avranno visto la tomba di Kha"

Il museo appartiene alla vita della città. Compito di un direttore è custodire la memoria della società e tramandarla. Intervista a Christian Greco, direttore dell'Egizio di Torino

Christian Azzara

Christian AzzaraUfficio stampa Edizioni Gruppo Abele (Ega)

Articolo solo per abbonati
Foto di Jan Vasek da Pixabay

Prove di imprenditorialità sostenibile per tenere i giovani in Sicilia

L'associazione Prometeo lancia la piattaforma Lapis per far restare sull'isola i neo-laureati affinché sviluppino progetti buoni per la società, l'economia e l'ambiente

Marta Silvestre

Marta SilvestreGiornalista di MeridioNews

Credits: Steven Cornfield, Unsplash
Play Video

"I vaccini bene comune, basta ricatti da Big Pharma"

Agnoletto: "Brevetti per vaccini e farmaci salvavita, realizzati con denaro pubblico, devono essere di proprietà pubblica, per il bene comune". Lavialibera aderisce alla campagna europea noprofitonpandemic

Vittorio Agnoletto

Vittorio AgnolettoMedico, politico e attivista

La sanità non può essere subalterna all'economia

La sanità non può essere subalterna all'economia

La regionalizzazione del servizio sanitario è una scelta irreversibile, ma nessun sistema a regionalismo forte o federale può permettersi la mancanza o la debolezza di una guida politica nazionale

Rosy Bindi

Rosy BindiEx ministra della Salute, presidente Commissione antimafia nella XVII legislatura

lavialibera sotto l'albero:

3 box regalo per festeggiare informati

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar