Violenza di genere

Attraverso l’espressione violenza di genere si qualificano tutti gli atti le cui vittime sono discriminate in base al sesso. La gamma dei reati riconducibili a questo tipo di sopraffazione è vasto: dallo stalking alle minacce, dalle mutilazioni fino al revenge porn e al femminicidio. Le violenze possono avvenire all’interno della sfera privata, pubblica o lavorativa.

Nel 2011 l’adozione della Convenzione di Istanbul è stata il primo strumento normativo internazionale per la prevenzione e la lotta alla violenza domestica e contro le donne. A livello statale il Dipartimento per le pari opportunità ha promosso un servizio pubblico antiviolenza e stalking, gratuito e attivo 24 ore su 24, che accoglie richieste d’aiuto e sostegno. Inoltre la legge n.69 del 2019 (denominata Codice rosso) ha istituito nuovi reati, aggravato alcune pene già esistenti e accelerato alcune indagini in procedimenti per abusi specifici

Da sinistra: Celeste Costantino, vicepresidente della Fondazione "Una, Nessuna, Centomila"; Sabrina Garofalo, sociologa e consulente dell'Osservatorio sulle infiltrazioni mafiose della Regione Umbria, e Irene Corvi, sorella di Barbara

Barbara Corvi, il caso archiviato, ma non il ricordo

Il 27 ottobre di 14 anni fa spariva in Umbria Barbara Corvi, 35 anni, sposata a Roberto Lo Giudice, figlio di un boss della 'ndrangheta. Il tribunale di Terni ha archiviato l'indagine: ci sono "forti sospetti" verso l'uomo, ma gli indizi non sono …

Fabrizio Ricci

Fabrizio RicciGiornalista, redattore di Collettiva.it e co-referente regionale di Libera Umbria

Kavita Krishnan, attivista e politica indiana

India, Kavita Krishnan: "Le violenze sono sponsorizzate dal governo"

Le violenze contro le donne della minoranza kuki sono diretta conseguenza di una politica che punta a uniformare la società all'ideologia indù. Colloquio con l'attivista Kavita Krishnan

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Articolo solo per abbonati
Giovani in fuga dalla sottomissione

Giovani in fuga dalla sottomissione

In Libere. Il nostro no ai matrimoni forzati, Martina Castigliani racconta le storie di cinque ragazze scappate dalla famiglia. Lo fa evitando il sensazionalismo e con umanità, per capire il coraggio e le difficoltà di queste donne

Carolina Crespi

Carolina CrespiLibreria Alaska

Articolo solo per abbonati
Foto di Denis Oliveira/Unsplash

8 marzo, donne discriminate anche nelle carceri d'Italia

Le donne fanno meno reati, ma sono le più penalizzate dalle istituzioni penitenziarie: hanno poche sezioni e pochi servizi nelle carceri, pensate per gli uomini

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

L'Aquila, 8-9 gennaio 2023. Basira, Marjan, Rabia, Karima, Zahra, Mahnaz e Zuliekha sono 7 delle 13 cicliste afghane arrivate Insieme a altre 50 persone in Italia grazie a un corridoio umanitario aperto dalla FCEI (F. Tisa)

Cicliste afghane in fuga dai talebani

Tredici cicliste afghane sono scappate dalla loro terra e dai fondamentalisti islamici grazie a un corridoio umanitario. Oggi vivono e si allenano a L'Aquila, ma vogliono tornare a correre

Federica Tourn

Federica TournGiornalista

Federico Tisa

Federico TisaFotografo

Informarsi è un gesto radicale

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Per rimettere in gioco un futuro che sembra già scritto

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar