• "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 1/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 2/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 3/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 4/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 5/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 6/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 7/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 8/9
  • "Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più - Foto n. 9/9

"Giustizia climatica subito". Ai Fridays for future i cortei non bastano più

Sono state migliaia le ragazze e i ragazzi che oggi hanno manifestato a Torino. Non sono mancati gli slogan ricorrenti, ma il movimento ora punta ad azioni più radicali

Marco Panzarella

Marco PanzarellaRedattore lavialibera

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

29 luglio 2022

  • Condividi

“Giustizia climatica subito”, hanno gridato le migliaia di ragazze e ragazzi dei movimenti contro la crisi climatica che hanno partecipato oggi allo sciopero per l'ambiente organizzato a Torino, dopo cinque giorni di discussioni su temi e ambientali e strategie di lotta. Il corteo si è snodato per le principali strade della città fino a raggiungere Piazza Castello. Alla manifestazione non sono mancati slogan ricorrenti come "Non esiste un pianeta B", ma la conclusione delle giornate di lavoro è che al movimento i cortei non bastano più: servono azioni più importanti, anche se – precisano – sempre non violente.

Le attiviste di Extiction rebellion che si sono incatenate al balcone del palazzo della Regione Piemonte: "Giornalisti, lottate con noi"

 

L'ha detto chiaro Marco Modugno, portavoce italiano dei Fridays for future all'assemblea plenaria di ieri: "Abbiamo raggiunto un livello di complessità maggiore nella nostra riflessione, che corrisponde alla complessità del problema. Non bastano più i cortei e le marce". E non a caso, sabotaggio è stata la parola ricorrente delle conferenze organizzate all'interno del Climate social camp, dove attiviste e attivisti hanno discusso anche delle strategie da adottare per avere un impatto sulle prossime elezioni politiche che si terranno il 25 settembre: troppo poco tempo per sperare di incidere, ma ci provano. 

Perché lavialibera ha scelto di non partecipare all'incontro con i media organizzato da FFF

Torino era stata scelta come punto di raduno internazionale dei Fridays for future durante il primo meeting di Losanna, nel 2019, ma la pandemia ha fatto slittare l'appuntamento fino a quest'anno. "Torino detiene il triste primato di avere l'inquinamento atmosferico più alto d'Europa", spiegano gli organizzatori del Fridays. Le temperature elevate e la siccità di questi mesi ne hanno poi fatto la sede ideale per discutere di "una crisi planetaria con effetti ecologici, sociali ed economici altamente impattanti".

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar