Luglio 2010. Julian Assange mostra una copia del quotidiano britannico The Guardian, durante una conferenza stampa al Frontline Club di Londra
Luglio 2010. Julian Assange mostra una copia del quotidiano britannico The Guardian, durante una conferenza stampa al Frontline Club di Londra

WikiLeaks: i giornali chiedono la liberazione di Julian Assange

Cinque testate internazionali (New York Times, The Times, The Guardian, Le Monde, Der Spiegel, El Pais) che nel 2010 hanno pubblicato le rivelazioni di WikiLeaks hanno firmato una lettera per chiedere la scarcerazione di Julian Assange, recluso a Londra e in procinto di essere estradato negli Stati Uniti, dove rischia una pena di 175 anni per spionaggio

Marco Panzarella

Marco PanzarellaRedattore lavialibera

29 novembre 2022

  • Condividi

Le accuse contro Julian Assange costituiscono un “pericoloso precedente” che minaccia la libertà di stampa. È quanto affermano, in una lettera aperta e condivisa, cinque testate internazionali – New York Times, The Times, The Guardian, Le Monde, Der Spiegel ed El Pais – che hanno chiesto agli Stati Uniti di ritirare le accuse contro il fondatore di WikiLeaks, reo di avere pubblicato segreti militari e diplomatici riservati. Assange, 51 anni, da aprile 2019 è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, a Londra, e lo scorso aprile la Westminster magistrate’s court ha emesso l’ordine per l’estrazione negli Usa, dove l’attivista australiano rischia una condanna a 175 anni.

WikiLeaks: dalle denunce all'estradizione di Assange negli Usa

Cablegate, tra corruzione e spionaggio

Nel novembre del 2010, i cinque giornali firmatari della missiva hanno pubblicato le rivelazioni fornite da WikiLeaks, destando enorme scalpore in tutto il mondo. In particolare, il cosiddetto Cablegate - oltre 250mila dispacci top secret del Dipartimento di Stato americano - rivelò storie di corruzione, scandali diplomatici e affari di spionaggio internazionali. 

Il Cablegate - oltre 250mila dispacci top secret del Dipartimento di Stato americano - rivelò storie di corruzione, scandali diplomatici e affari di spionaggio internazionali

Oggi che il destino di Assange sembra essere segnato, redattori ed editori hanno deciso di schierarsi al suo fianco, unendosi all’appello lanciato dagli attivisti di tutto il mondo, che hanno chiesto l’immediata scarcerazione e la caduta delle accuse nei suoi confronti. Sono oltre venticinque le associazioni (tra cui Amnesty International, IFJ, ACLU, Freedom of the Press Foundation, Reporters Without Borders e Human Rights Watch) che reputano l’estradizione di Assange una minaccia alla libertà di stampa e di espressione di giornalisti e informatori. A queste voci si è aggiunta quella dell’Alto commissario delle Nazioni Uniteper i diritti umani, Michelle Bachelet, secondo cui  l’estradizione dell’attivista “potrebbe avere effetti agghiaccianti sul giornalismo investigativo e le attività degli informatori”.

Senza Assange, il tramonto di WikiLeaks?

Da Obama a Trump

Nella lettera si legge: “L'amministrazione Obama-Biden, in carica durante la pubblicazione di WikiLeaks nel 2010, si è astenuta dall'incriminare Assange, spiegando che avrebbe dovuto incriminare anche i giornalisti delle principali testate giornalistiche. La loro posizione premiava la libertà di stampa, nonostante le spiacevoli conseguenze. Sotto Donald Trump, tuttavia, la posizione è cambiata. Il Doj (il Dipartimento della giustizia americano, ndr) si basava su una vecchia legge, l'Espionage Act del 1917 (progettato per perseguire potenziali spie durante la prima guerra mondiale), che non è mai stato utilizzato per perseguire un editore o un'emittente televisiva”.

“Nel 2010 l'amministrazione Obama si è astenuta dall'incriminare Assange, ma sotto Donald Trump la posizione è cambiata

E ancora: “Ritenere i governi responsabili fa parte della missione centrale di una stampa libera in una democrazia. Ottenere e divulgare informazioni sensibili quando necessario nell'interesse pubblico è una parte fondamentale del lavoro quotidiano dei giornalisti. Se quel lavoro viene criminalizzato, il nostro discorso pubblico e le nostre democrazie si indeboliscono notevolmente. Dodici anni dopo la pubblicazione di Cablegate, è giunto il momento per il governo degli Stati Uniti di porre fine al processo contro Julian Assange per aver pubblicato segreti. Pubblicare non è reato”.

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar