Il primo dicembre è la giornata mondiale contro l'Aids. Foto: Ansa
Il primo dicembre è la giornata mondiale contro l'Aids. Foto: Ansa

Aids, più test per migliorare la salute di tutti

Nella Giornata mondiale contro l'Aids, l'Istituto superiore di sanità pubblica i dati sulla diffusione dell'infezione in Italia: l'incidenza è più bassa della media europea, ma di solito si scopre in fase già avanzata. Dodici città aderiscono al progetto Fast track per combattere i pregiudizi sull'hiv

Natalie Sclippa

Natalie SclippaRedattrice lavialibera

1 dicembre 2022

  • Condividi

1.770: sono le persone a cui nel 2021 è stata diagnosticata l’infezione da Hiv (virus dell’immunodeficienza umana). 3 ogni 100mila abitanti. Un numero sotto la media europea – che si attesta a 4,3 – e in diminuzione rispetto agli anni scorsi. Ma quasi i due terzi di chi scopre di essere malato, lo fa a causa della comparsa dei sintomi, ossia quando entra in una “fase già avanzata”. È questo il quadro che emerge dalla ricerca annuale dell’Istituto superiore di sanità (Iss) che pubblica i dati relativi alle infezioni da Hiv durante il 2021 in occasione della giornata mondiale contro l’Aids (sindrome da immudeficienza acquisita). 

Purtroppo l’informazione sul tema rimane ancora troppo spesso nell’ombra a causa dello stigma vissuto da chi scopre di essere positivo al virus. Per riuscire a contrastare la sua diffusione, 12 città italiane hanno aderito al progetto Fast-track cities, una partnership globale nata a Parigi e promossa dall’Associazione internazionale dei fornitori di cure per l’Aids (Iapac) e due programmi delle Nazioni Unite (Unaids e Un-habitat), oltre che alla capitale francese. Lo scopo, si legge nel documento di lancio dell’iniziativa, “è quello di porre fine, entro il 2030, all’Aids come minaccia per la salute pubblica”. A Torino è stato istituito un tavolo di coprogrammazione tra il comune, l’asl e alcune associazioni (Anlaids, Arcibaleno aids, Casarcobaleno, Croce rossa italiana, Associazione giobbe, Gruppo abele e Lila Piemonte) per rendere più accessibili a chiunque i test  per Hiv e sifilide, in ambienti lontani dagli ospedali.

Fabio Anibaldi: "Coronavirus, requiem o rinascita?"

Combattere il pregiudizio contro l'hiv

Un dato è da tenere in considerazione: più dell’80% delle infezioni da hiv è trasmesso per via sessuale. “L’incidenza dell’Aids – si legge nel notiziario dell’Iss dedicato al tema – è in costante diminuzione”, mentre aumenta dal 80,8% del 2020 al 83% del 2021, chi ha scoperto di essere positiva all’Hiv nel semestre precedente la diagnosi di Aids.

Le cifre, però, possono essere al ribasso, visto che il registro nazionale Aids ha risentito dell’epidemia da Covid–19 con la conseguente sottodiagnosi o sottonotifica dei casi. Avvicinare le persone al controllo periodico, specie chi ha avuto comportamenti a rischio, è importante non solo per la salute individuale, ma anche per salvaguardare quella pubblica. A confermarlo Anna Lucchini, responsabile del Centro multidisciplinare per la salute sessuale (Cemuss) di Torino: “Quasi tutte le nuove infezioni da hiv sono dovute a trasmissione da persone che non sapevano di averlo”. 

Quasi tutte le nuove infezioni da hiv sono dovute a trasmissione da persone che non sapevano di averlo

Uno studio inglese del 2015 ha dimostrato che l’aumento del numero di test permette di scoprire più casi latenti e quindi di avviare  le persone positive al test a un  percorso di cura. “Ci sono due ordini di vantaggi – spiega Lucchini – : il primo è personale, perché si riesce a vivere più a lungo. Bisogna ricordare che l’Hiv resta comunque una diagnosi pesante, anche se con i farmaci a disposizione ora è sicuramente più facile da gestire rispetto a qualche decennio fa. La seconda è sociale: la ricerca dimostra che raddoppiando o triplicando il numero di test si ottiene, nell’arco di cinque anni, fino all’80% in meno di nuove infezioni”. 

Avvicinare il test alle persone

Il test è gratuito e può essere svolto in qualsiasi struttura sanitaria. Ma il semplice fatto di doversi recare in un ambiente di questo tipo può diventare una barriera, soprattutto per alcune fasce d’età, come i più giovani. A causa della pandemia, attualmente serve persino un appuntamento. Sono state trovate alcune soluzioni: una di queste è l’istituzione di check-point nelle città, lontane dagli ospedali, in cui le persone possono usufruire del servizio in orari più ampi di quelli proposti dagli istituti e lontano da occhi indiscreti.

Il coinvolgimento della comunità e delle associazioni del terzo settore, che possono accompagnare l’offerta del servizio e così raggiungere chi è ad alto rischio di infezione è fondamentale

Un’altra è darei test gratuiti vicino a luoghi d’aggregazione, soluzione che offre la grande opportunità di aumentare la platea di persone che possono essere coinvolte. Poi, il coinvolgimento della comunità e delle associazioni del terzo settore, che possono accompagnare l’offerta del servizio e così raggiungere chi è ad alto rischio di infezione. Infine, la possibilità di fare il test da soli, avendo a disposizione informazioni  sui percorsi e sui centri a cui rivolgersi in caso di dubbi. 

Torino, una città Fast-track

Il capoluogo piemontese è diventata una Fast-track city a ottobre 2020, quando ha sottoscritto la Dichiarazione di Parigi, ossia il documento con cui si sancisce l’impegno a raggiungere gli obiettivi della partnership, ed. Ha iniziato con una campagna di  sensibilizzazione,per arrivare poi a proporre le Testing night, ossia serate che una volta al mese offrono la possibilità del test a chiunque  durante eventi cittadini. Da novembre 2021 sono stati effettuati 428 test, di cui 3 sono risultati reattivi all’hiv e due alla sifilide. 

In Italia sono Fast-Track cities anche Milano, Bergamo, Brescia, Firenze, Genova, Palermo, Sanremo, Latina, Legnano, Modena e Ancona. L’obiettivo è rendere il test dell’hiv una prassi, perché la patologia resti solo un cattivo ricordo lontano.

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar