Nel fotogramma, il capogruppo Pd in Piemonte, Raffaele Gallo, alle spalle del presidente del Consiglio regionale, Stefano Allasia, poco prima della lettura delle nomine per l'organismo regionale di controllo
Nel fotogramma, il capogruppo Pd in Piemonte, Raffaele Gallo, alle spalle del presidente del Consiglio regionale, Stefano Allasia, poco prima della lettura delle nomine per l'organismo regionale di controllo

Le aziende finanziano la campagna elettorale, la politica nomina: così l'imprenditore controllava appalti e contratti

Nel 2019 in Piemonte, alcune aziende dei Fantini, una famiglia di costruttori, hanno finanziato la campagna elettorale del presidente della Regione Alberto Cirio e del capogruppo Pd Raffaele Gallo, che ha promosso nel 2022 la nomina di Roberto Fantini, ora indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, nell'Organismo regionale di controllo su contratti e appalti

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

7 giugno 2024

  • Condividi

Ecco un esempio di come, a volte, controllato e controllore finiscono sorprendentemente per coincidere. Un imprenditore, rappresentante di una famiglia con molti interessi nelle opere pubbliche è nominato consigliere nell’organismo che controlla contratti e appalti della Regione Piemonte e delle sue partecipate. Di più, perché la famiglia dell’imprenditore in questione è anche generosa finanziatrice di candidati e partiti di diverso colore. Nessun conflitto di interessi sollevato.

È il caso di Roberto Fantini, 55 anni, imprenditore di Torino indagato per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito dell’inchiesta Echidna per i suoi rapporti economici con un presunto boss della ‘ndrangheta. Com’è emerso dopo l’operazione dell’aprile scorso, nel 2022 è stato il candidato sostenuto dal Partito democratico per il ruolo di consigliere dell’Organismo regionale per il controllo collaborativo (Orecol), che si occupa del contrasto alle illegalità negli atti della Regione e delle sue società partecipate. Fantini risulta vicino non soltanto alla famiglia Pasqua, ritenuta dalla Direzione distrettuale antimafia di Torino ai vertici della locale di ‘ndrangheta di Brandizzo, ma anche alla famiglia di due politici, i Gallo: Salvatore e Raffaele, capogruppo Pd in consiglio regionale fino al 7 aprile 2024. Nella sua campagna elettorale del 2019 il giovane politico dem aveva ricevuto un contributo elettorale da una delle società del gruppo della famiglia Fantini, che ha erogato anche al presidente Alberto Cirio e Fratelli d’Italia dei finanziamenti. Finanziamenti che, se fossero davvero trasparenti, consentirebbero di scoprire e denunciare i conflitti di interessi prima dei procedimenti penali.

I finanziamenti elettorali del 2019.

Nel 2019 alcune aziende legate alla Cogefa, la grande società della famiglia Fantini, attiva nel settore delle costruzioni, ha erogato contributi elettorali a destra e a sinistra. Ad esempio la Taurus srl, guidata da Filippo Fantini (figlio di Massimo e nipote di Roberto), ha stanziato 5mila euro per la campagna elettorale di Alberto Cirio, il candidato di Forza Italia poi eletto presidente del Piemonte. Sempre la Taurus – emerge dai rendiconti disponibili invece sul sito del parlamento – il 7 maggio 2019 ha bonificato 2.500 euro a Fratelli d'Italia. Infine un’altra società, la Lmf Advisor, che appartiene alla Lema Consulting Ltf di Massimo Fantini e fa sempre parte del gruppo Cogefa, ha erogato 5mila euro a Raffaele Gallo, poi diventato capogruppo Pd in consiglio regionale.

Lavialibera ha ottenuto questi dati dalla consultazione dei rendiconti, regolarmente depositati alla Corte d’appello. Alla sezione “Anagrafe degli eletti” sul sito della Regione Piemonte, invece, questi dati non sono disponibili. Nonostante lunghe ricerche e richieste di accesso civico generalizzato agli atti, non siamo stati in grado di controllare i finanziamenti destinati alle liste elettorali.

Il rendiconto elettorale di Raffaele Gallo sul sito della Regione Piemonte non indica i finanziatori della sua campagna elettorale
Il rendiconto elettorale di Raffaele Gallo sul sito della Regione Piemonte non indica i finanziatori della sua campagna elettorale

Neanche il rendiconto di Alberto Cirio sul sito della Regione Piemonte indica i finanziatori della sua campagna
Neanche il rendiconto di Alberto Cirio sul sito della Regione Piemonte indica i finanziatori della sua campagna

Un'arma in più per i cittadini: il monitoraggio civico

L'inchiesta Echidna, da Fantini ai Gallo

I carabinieri del Ros sono arrivati a Salvatore Gallo indagando su Roberto Fantini nel corso dell’indagine Echidna. Gallo, politico prima socialista e poi del Pd, fino al 2015 ha avuto cariche di vertice nella Società italiana per il traforo autostradale del Frejus (Sitaf), che gestisce l’autostrada Torino-Bardonecchia, e nella controllata Sitalfa, di cui Fantini era amministratore e con la quale dava lavori alla ditta di Giuseppe Pasqua, indagato con l’accusa di essere il boss della ‘ndrangheta a Brandizzo (Torino). Gallo senior – 85 anni – è indagato di estorsione, peculato e corruzione elettorale.

Gli interessi dei Gallo nelle nomine

Dall’ordinanza dell’operazione Echidna emerge un certo impegno di Raffaele Gallo e di suo padre Salvatore nelle nomine di persone a loro vicine in alcune società pubbliche. Tra queste, c’è anche l’interesse nei ruoli di Fantini in Sitalfa, società controllata da Sitaf, in cui Salvatore Gallo ha avuto per molto tempo un ruolo apicale, e poi nella Società dell’Interporto di Torino (Sito), di cui la società finanziaria della Regione, Finpiemonte, è azionista. Di questa nomina, avvenuta nel 2020, “Gallo Salvatore e Fantini Massimo si attribuivano la paternità”, si legge nell’ordinanza. Tuttavia nel giugno 2021 Roberto Fantini si dimette, sia per ragioni di salute, sia per assumere l’incarico in una società del gruppo Cogefa, la Cogepi, che avrebbe potuto far sorgere dei conflitti di interesse.

'Ndrine a Torino. I legami stretti tra boss e manager

La nomina di Fantini all’Orecol

A sinistra, Roberto Fantini insieme ai componenti dell'Orecol, al presidente della Regione Alberto Cirio (terzo da sinistra) e al presidente del consiglio regionale Stefano Allasia (terzo da destra)
A sinistra, Roberto Fantini insieme ai componenti dell'Orecol, al presidente della Regione Alberto Cirio (terzo da sinistra) e al presidente del consiglio regionale Stefano Allasia (terzo da destra)

Il 21 luglio 2022 al Consiglio regionale del Piemonte si riunisce la commissione consultiva per le nomine, che esprime pareri su chi è più adeguato a ricoprire un incarico. Devono scegliere tra persone di “notoria indipendenza, di elevata e accertata professionalità, con riconosciuto esperienze nel settore pubblico o privato” e una serie di competenze. Il consiglio e la giunta regionale devono svolgere “una rigorosa valutazione delle candidature”.

Quella mattina, oltre ai componenti e ai sostituti di quelli assenti, ci sono due consiglieri esterni che chiedono di partecipare. Uno è proprio il capogruppo Pd Gallo. Dal verbale della seduta, ottenuto da lavialibera, emerge che è lui in prima persona a interloquire con il presidente della commissione, il leghista Stefano Allasia: dà la sua opinione sulla definizione di “notoria indipendenza” e “suggerisce di riflettere sull’opportunità o meno di definire meglio il tempo cronologico di ‘raffreddamento’”; spiega “che il concetto di ‘carica pubblica’ (uno dei limiti per le nomine, ndr) è assolutamente indeterminato”. Insomma, contribuisce ad affinare alcuni criteri di selezione. Alla fine, sulla “notoria indipendenza”, la commissione si accorda: saranno esclusi “coloro che rivestono incarichi pubblici elettivi, cariche pubbliche o cariche in partiti politici o organizzazioni sindacali o che hanno avuto tali incarichi o cariche negli ultimi tre anni” e anche “coloro che hanno rapporti continuativi di collaborazione o di consulenza con partiti politici o organizzazioni sindacali o che hanno avuto tali rapporti nei tre anni precedenti alla nomina”. I finanziamenti ai partiti non sono considerati quale criterio per la “notoria indipendenza”.

Gallo partecipa anche alla riunione successiva, il 17 novembre. Ai consiglieri viene dato un documento di lavoro – ottenuto da lavialibera – coi profili dei candidati e le valutazioni. Si legge che il 21 luglio alcuni, con curriculum pregevoli, sono stati ritenuti inidonei. Ad esempio, il generale dei carabinieri Mariano Mossa è risultato “inconferibile” perché ha terminato il suo incarico nei tre anni precedenti. L’alto ufficiale ritira così la sua candidatura. Altri, invece, sono scartati per i ruoli in società, aziende sanitarie o fondazioni legate alla Regione.

Le inchieste su diversi amministratori locali danneggiano il rapporto tra eletto ed elettore perché indicano una modalità scorretta di raccogliere il consenso

Su Fantini vengono annotati alcuni aspetti: presidente di una società che svolge attività di costruzione e manutenzione di strade e autostrade (la Cogepi, ndr); dal luglio 2020 al 2021 consigliere dell’Interporto di Torino, ruoli in altre società private e amministratore di una “società in controllo pubblico che gestisce i processi di acquisto di beni, lavori e servizi in applicazione del Codice appalti”. Inizialmente la commissione consiglia di “valutare il requisito di professionalità (...) in quanto questo pare emergere solo dalla carica di amministratore delegato di società in controllo pubblico che si occupa di appalti pubblici”, ma – appena una riga sotto – si legge che “nella seduta del 21 luglio”, a cui ha partecipato Gallo, “la Commissione, facendo una prima valutazione, ha ritenuto integrato il requisito della professionalità”.

Il 22 novembre il consiglio regionale sceglie tre membri tra i 17 idonei. Fantini viene proposto per il ruolo di presidente, ma prende soltanto sette voti contro i 21 dell’ex magistrato Arturo Soprano. Ottiene però 11 voti come consigliere e ce la fa. Per questo incarico, gli spetteranno compensi mensili da 2.157,93 euro lordi.

Dopo l’operazione Echidna, il 7 aprile Raffaele Gallo ha lasciato l’incarico di capogruppo e ha interrotto la campagna elettorale, mentre Fantini ha lasciato il ruolo nell’Orecol “con una lunga lettera di scuse”, scrive il quotidiano Torino Cronaca.

A 10 anni da Minotauro, politica e imprenditoria assenti

Il nodo della trasparenza dei finanziamenti ai partiti

Trasparenza assoluta sulla campagna elettorale perché me la finanzio da solo”, ha annunciato – durante un confronto tra i candidati alle elezioni regionali organizzato da Libera Piemonte il 28 maggio scorso – il presidente Alberto Cirio, che nel 2019 aveva ricevuto invece quasi 60mila euro da cittadini e aziende. La principale rivale, la candidata Pd Gianna Pentenero, ha promesso maggiore trasparenza.

Dopo Echidna, il partito ha sottoposto ai candidati e a quelli delle liste alleate un codice di autoregolamentazione: “Oltre a rispettare scrupolosamente la normativa in materia di trasparenza e rendicontazione elettorale il candidato si impegna a rendere pubblico il bilancio preventivo e consuntivo della campagna elettorale evidenziando tutte le fonti di finanziamento sia diretto sia indiretto derivanti da privati o tramite associazioni, fondazioni, centri studi”. Alla lista mancano le aziende. C’è poi un altro grimaldello. Tutto questo deve essere fatto “nel rispetto della vigente normativa sulla privacy”, con cui spesso – come dimostra questo caso – si aggira l’interesse collettivo.

Crediamo in un giornalismo di servizio a cittadine e cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2024 - numero 26

Truffe al pascolo

Mafie, imprenditori e colletti bianchi si spartiscono milioni di euro di frodi alla politica agricola Ue, a scapito di ecosistemi, salute, casse pubbliche e piccoli pastori

Truffe al pascolo
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar