Mahmood: "Centro e periferia, etichette nonsense"

Mahmood, vincitore del festival di Sanremo nel 2019, racconta la sua vita in periferia: "Anche l'agiatezza può creare danni. Ho visto molti figli di papà spacciare. I problemi sono dappertutto"

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

15 gennaio 2021

  • Condividi

Un difetto la periferia ce l'ha: fa molto caldo. Ma Alessandro Mahmud, in arte Mahmood, la sua vita a Milano sud non la cambierebbe. C’è nato e per lui è "semplicemente casa". Al di là del legame affettivo, la parola periferia gli sembra priva di senso. Così come la distinzione tra periferia e centro. "Due etichette che ormai significano poco o nulla – dice –. Non percepisco una differenza così netta e penso valga lo stesso per molti miei coetanei".

Ragazzi e ragazze che, come lui, sono cresciuti a Gratosoglio. Qui il cantante ha scelto di continuare a vivere e sta trascorrendo il lockdown, lavorando al secondo album che uscirà il prossimo anno. Anche se non è facile: "Da quando la pandemia ci ha confinati in casa, ho il morale a terra. Sono abituato a scrivere in movimento".

Il primo disco – Gioventù bruciata – è nato sui mezzi. Ascoltarlo è come fare un giro per Gratosoglio: il Naviglio Pavese, il campetto da basket di fronte alle sue scuole medie che ha appena ristrutturato, con l’aiuto di Kappa e del Comune di Milano, e via Ulisse Dini, dove con Levi’s ha aperto una stanza per la musica. Strade che le cronache descrivono come luoghi di spaccio, rapine, violenza. Mahmood parla di una realtà diversa: una vita "normale". "Da bambino, al mattino andavo a scuola e di pomeriggio, dopo i compiti, giocavo con gli amici". 

Tutto qui?

Tutto qui. E il disagio sociale? "Anche il troppo agio può creare danni. Ho visto molti figli di papà spacciare. I problemi sono dappertutto". E il razzismo? "Mi sono reso conto che esiste ancora a Sanremo. È stata una delusione. Credo, però, che il problema sia della generazione precedente. Non della nostra. Fin dalle elementari ho avuto compagni cinesi e amici del Senegal. Quasi tutte le persone che conosco hanno genitori di origine mista, come nel mio caso. È un peccato che chi nasca nel nostro Paese da mamma e papà stranieri non abbia subito la cittadinanza italiana. Ne avrebbe diritto".

In Italia il dibattito sulla cittadinanza emerge ciclicamente, ma si inabissa subito dopo, intrappolato nelle maglie della contrapposizione politica

È la normalità della periferia che ancora "fa strano" a chi non la vive. A doverci fare i conti è stato lo stesso Mahmood, quando la sua vittoria al festival della canzone italiana è diventata un caso politico per via delle origini del papà: un egiziano, andato via di casa quando lui aveva cinque anni. Fu costretto a chiarire di essere italiano al cento per cento: nato a Milano, da mamma sarda.

In molti l’hanno definito un simbolo del riscatto sociale della periferia. Un'etichetta che l'ha fatto e lo fa arrabbiare tutt'ora. "Non voglio essere un simbolo – dice –, semmai solo un buon esempio. Come ce ne sono tanti. Alcuni miei vecchi amici sono diventati insegnanti di danza. Mia cugina, cresciuta nel mio stesso quartiere, è una psicologa. Le persone come loro, anzi come noi, sono la maggioranza".

Consigli a chi vuole raccontare la periferia nel modo corretto? "Dire la verità, cioè che la realtà è complessa. La vita è un mix, ma sono convinto che la differenza la fanno le persone: le opportunità e i luoghi in cui vivi contano, ma contano di più l’impegno, il cuore e la testa che ci metti nel fare le cose". E ai giovani che abitano in periferia? "Ne ho incontrati tanti con un potenziale enorme. A loro dico quello che direi anche ai giovani del centro: non fate cazzate".

Da lavialibera n° 6 novembre-dicembre 2020

  • Condividi

La rivista

2023 - numero 24

La pace è un altro gioco

Non esiste una sola pace, ma paci diverse, al plurale. Giuste e ingiuste, stabili e instabili. Per costruirle ci vogliono impegno e fatica, perciò le guerre è meglio prevenirle che curarle

La pace è un altro gioco
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar