Il maxi carico di cocaina sequestra a febbraio 2020 nel porto di Livorno. Era destinata a Marsiglia
Il maxi carico di cocaina sequestra a febbraio 2020 nel porto di Livorno. Era destinata a Marsiglia

Sua maestà la cocaina

La cocaina è la principale droga trafficata nel mondo. Secondo l'Unodc, sono circa 1.400 le tonnellate di coca prodotte ogni anno fra Colombia, Bolivia e Perù

Vincenzo Spagnolo

Vincenzo SpagnoloGiornalista di Avvenire e scrittore

Aggiornato il giorno 8 gennaio 2021

Livorno, febbraio 2020. Fa freddo e sul porto aleggiano le brume invernali, mentre gli investigatori dell’Arma si muovono silenziosi verso l’area di scarico delle merci. L’attesa è finita: il carico che stavano monitorando è arrivato. E non si tratta di roba da poco: è, letteralmente, una valanga di neve. La nave che trasporta in container proviene dalla Colombia e batte la bandiera azzurra con stella bianca delle Isole Marshall, sperduto staterello insulare dell’Oceania. È in transito, diretta a Genova e poi a Marsiglia. Quando attracca, scatta la perquisizione. E i sospetti trovano conferma: nel container c’è una montagna di zaini, impilati uno sull’altro. In ciascuno, 38 chili di cocaina. Quando li pesano tutti, il totale è impressionante: 3 tonnellate, 3 quintali e 30 chili di stupefacente, per un controvalore di mercato che oscilla fra i 400 e i 500 milioni di euro. Il procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo e il suo omologo di Marsiglia coordinano l’operazione. È il secondo carico di cocaina, per quantità, finora sequestrato in Italia (il primo, 5 tonnellate in un tir a Torino nel lontano 1994, è ormai storia nei polverosi annali delle cronache giudiziarie), ma magistrati e investigatori vogliono capire a chi sia diretto. Ricorrono alla “consegna controllata”: svuotano tutti gli zainetti, tranne uno, li riempiono con materiale dello stesso peso. Poi richiudono il container. La nave riparte e fa sosta a Genova, poi rotta verso Marsiglia. Le microspie registrano ogni movimento. Dopo l’attracco, si presentano tre uomini con un camion. Caricano gli zaini e li portano in una villa. A quel punto, i poliziotti francesi possono intervenire

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar