• Covid-19 - Foto n. 1/6
  • Covid-19 - Foto n. 2/6
  • Covid-19 - Foto n. 3/6
  • Covid-19 - Foto n. 4/6
  • Covid-19 - Foto n. 5/6
  • Covid-19 - Foto n. 6/6

Covid-19

Di questi mesi mi ricorderò, per tutta la vita, di molte cose: la paura di ammalarsi, le vie deserte, le migliaia di morti e il silenzio assordante

Marco Donatiello

Marco DonatielloFotografo e narratore

7 luglio 2020

Mentre impariamo ad adattarci alla nostra nuova quotidianità post coronavirus, ripenso ai due mesi di lockdown. A differenza di molti ho continuato a lavorare per tutto il tempo dell'emergenza e ho voluto, quindi, creare memoria di come ho vissuto questa grande tragedia che è stata la pandemia del Covid-19. L’ho fatto attraverso un reportage che racconta la fase 1 nella mia città, Imperia.

Per la prima volta nella mia vita ho vissuto la paura di uscire di casa (la mia attività non si è fermata, anzi...); ho avuto delle limitazioni di movimento, situazione che fino a qualche mese fa era impensabile nell'Italia del 2020. Di questi mesi mi ricorderò, per tutta la vita, di molte cose: la paura di ammalarsi, le vie deserte, le migliaia di morti, il silenzio assordante, rotto solo dalle sirene di qualche ambulanza o pattuglia, le code infinite ai supermercati, le autocertificazioni, il bollettino delle 18 della Protezione civile, i guanti e le mascherine introvabili, la lontananza dai propri cari.

Da lavialibera n° 3 maggio/giugno 2020

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar