Resilienza, il nulla al potere

Il linguaggio autentico dovrebbe esprimere l'incanto e lo smarrimento dell'esistere. Siamo invece infestati da opinioni, chiacchiere e presunte competenze

Fabio Cantelli Anibaldi

Fabio Cantelli AnibaldiVicepresidente Gruppo Abele e scrittore

10 dicembre 2021

  • Condividi
Quanto più da vicino si osserva una parola, tanto più lontano essa rimanda lo sguardoKarl Kraus - scrittore austriaco
Il linguaggio accade. Il linguaggio è un evento del mondo che, volendo dire il mondo, può farlo solo in minima parte perché il suo dire è, come tutti, un evento destinato a passare, sommerso da miriadi di altri eventi. Ma allora da dove viene la peculiarità del linguaggio autentico, della parola che scuote e risveglia? Direi, appunto, dalla coscienza di questo limite. Il grande linguaggio della filosofia, della poesia e della letteratura è tale perché consapevole dell’insufficienza e insieme della necessità del suo dire, essendo l’essere umano, a differenza degli altri esseri, proprio colui che dice. E cosa dice? Sempre la stessa cosa, benché in infiniti modi: la grandezza e il dramma dell’esistere, il miracolo e la tragedia dello stare al mondo.
 
Linguaggio autentico è insomma quello che esprime l’incanto e lo smarrimento, quello che non avendo ancora reciso il cordone ombelicale con la vita non si crede superiore, autosufficiente, assiso su un trono dal quale osservare tutto in modo paternalistico o all’occorrenza severo, dall’alto in basso. 

La lingua del giudizio

Ora, è proprio questo linguaggio tronfio e saccente quello della nostra epoca infestata da opinioni, chiacchiere e cosiddette competenze. Linguaggio che tutto analizza, seleziona e definisce mentre il mondo va alla deriva: orchestrina simile a quella del Titanic che suona lo spartito come se niente fosse mentre la nave affonda. Linguaggio che tutto sa salvo l’essenziale: la sua – e nostra – natura provvisoria, foriera di verità sempre relative, incompiute, in cammino. 
 
Ma se il linguaggio è sempre balbettio dell’Essere come si fa a parlare in modo autentico e originale? In teoria è semplice: basta non reprimere l’emozione del nostro incontro col mondo. Emozione che dovrebbe rinnovarsi perché il mondo sempre si manifesta a noi come eterno inizio. Se non fosse che, passata l’età delle passioni e dei desideri sfrenati, quell’emozione facciamo di tutto per reprimerla o almeno controllarla anche attraverso la lingua del giudizio – "metti giudizio!", esortavano un tempo i nostri genitori –, la lingua dell’analisi e della definizione. È l’enorme problema della tecnica applicata al linguaggio o del linguaggio come protesi tecnica. Micidiale ibrido che ha reciso la parola dalla vita e ha reso l’uomo che la pronuncia un imbonitore indegno d’attenzione.

Alcuni vocaboli generici e ignoranti

La nostra è un’epoca che vive nella superstizione e nel sortilegio delle parole, virus che ha infestato le scienze umane, sociali e anche filosofiche, cioè quelle che più delle altre dovrebbero custodire l’emozione originaria dell’incontro con l’altro in tutte le sue forme e declinazioni. Ne cito solo alcune particolarmente sgradevoli, relative a un campo del mio lavoro: progettualità e criticità, territorio e utente, risorse e sfide, dispositivo e rete, problematiche e, infine, un avverbio pronunciato con sommo sussiego: laicamente. Sono parole generiche e ignoranti (laico non è il non-credente ma l’uomo di fede che non appartiene alla Chiesa come istituzione). Parole abusate per l’aureola che paiono portare in dote: basta pronunciarle ed eccoci magicamente dalla parte giusta, corretta.
 
Eccoci garanti di un sapere che guarda tutto dall’alto, ma benevolmente, assiso per metà sul trono della competenza tecnica e per l’altra su quello della superiorità morale. Ecco, è questa tresca tra tecnica e morale il virus che si sta espandendo di pari passo a quello della parola volgare e demagogica, assetata di potere. Virus di una visione del mondo che, credendosi diversa, è invece funzionale a quella che crede di combattere.

Resilienza: ciò che non dovremmo fare

C’è una parola che pare il distillato di questo coacervo di genericità e moralità, demagogia e potere: resilienza. Se resilienza – termine mutuato dalla scienza e applicato ormai a tutto, dalla psicologia alla sociologia a una politica intenta a enunciare le sue “progettualità” post-pandemiche – significa capacità di assorbire un trauma tornando allo stato pregresso, è proprio quello che la psiche umana non può e non deve fare. 
Dove sta scritto che una ferita sia necessariamente un male e non un varco attraverso
cui fluisce la vita?
La psiche è tale perché si evolve e prende coscienza di sé nell’incontro anche traumatico col mondo. La vita intera, a ben vedere, non è altro che un meraviglioso trauma. Se trauma significa infatti ferita, dove sta scritto che la ferita sia necessariamente un male e non il varco attraverso il quale la vita fluisce rianimando organismi troppo stabili e chiusi in sé stessi, statici come cadaveri? Quel che è certo è che dai traumi non si esce mai né illesi né immutati ed è un bene che sia così, altrimenti vorrebbe dire che si vive non per vivere ma per sopravvivere, senz’arte né parte, senza psiche né anima. E invece eccoci tutti a celebrare la resilienza come suprema virtù, adattamento che scongiura ogni vero cambiamento.
 
Ma infine perché l’uomo contemporaneo ha tanta paura dell’emozione originaria dell’esistere e delle parole che la esprimono? Direi perché quell’emozione lo costringe, ogni volta, a fare i conti con l’insufficienza dei suoi saperi e dei linguaggi che li esprimono, saperi e linguaggi morti proprio perché tesi a nascondere la nostra natura mortale, il dramma e la grandezza del nostro esistere. Viene in mente la spietata lucidità del filosofo Emil Cioran, illuminante indagatore dell’animo umano: "L’uomo sopporta tutto e a tutto si abitua: non è abbastanza nobile per morire di delusione".
 
  • Condividi

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar