(JavyGo/Unsplash)
(JavyGo/Unsplash)

L'Ue: i fattorini su due ruote vanno assunti

La Commissione europea ha presentato una proposta di direttiva in cui fissa i criteri per stabilire se un lavoratore digitale è subordinato

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

13 luglio 2022

Il 9 dicembre 2021 la Commissione europea ha presentato una proposta di direttiva per migliorare le condizioni di lavoro di chi nell’Unione è al servizio delle piattaforme. Ventotto milioni di persone che diventeranno 43 milioni nel 2025, per un giro d’affari balzato dai 3 miliardi di euro del 2016 ai 14 del 2020.

La Commissione precisa che si tratta di una grande opportunità economica, ma anche di una sfida su più livelli. La prima riguarda il corretto inquadramento contrattuale dei lavoratori, classificati come autonomi anche quando sono dipendenti. Un problema che i vertici Ue vogliono risolvere dando per scontata l’esistenza di un rapporto subordinato, se la piattaforma esercita il proprio controllo in almeno due di questi cinque modi: determina o limita la paga; impone il rispetto di norme vincolanti inerenti l’aspetto e il comportamento; supervisiona le prestazioni e verifica la qualità dei risultati; restringe la libertà, anche attraverso sanzioni, di organizzare il proprio lavoro e, in particolare, la discrezionalità di scegliere l’orario di lavoro o i periodi di assenza, di accettare o rifiutare compiti o di ricorrere a subappaltatori o sostituti; limita la possibilità di crearsi una propria clientela o lavorare per altri. Si chiama presunzione legale e le aziende potranno opporsi, però toccherà a loro l’onere della prova, cioè dimostrare il contrario.

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar