La Marmolada (Foto PxHere - CC0 Dominio pubblico)
La Marmolada (Foto PxHere - CC0 Dominio pubblico)

Marmolada, una tragedia annunciata

La tragedia sulla Marmolada insegna che i nostri ghiacciai e le nostre montagne stanno pagando, più di altri ecosistemi, il prezzo dei cambiamenti climatici. Siamo già dentro il disastro

Luigi Ciotti

Luigi CiottiDirettore editoriale lavialibera

4 luglio 2022

  • Condividi

La tragedia  accaduta sulla Marmolada, con un pezzo di ghiacciaio che di colpo si è staccato travolgendo numerosi escursionisti, lascia attoniti e sgomenti. Soprattutto chi vive e ama la montagna, la sente come una tragedia propria, vicina.

Pensiamo prima di tutto all’angoscia dei parenti delle vittime e di coloro che attendono notizie dei propri cari ancora dispersi. Pensiamo al pericolo che stanno correndo in queste ore i soccorritori, disposti a rischiare la vita con l’esile speranza di salvarne delle altre.

Le frodi dei pascoli ad alta quota

Chi si avventura in quota, su un ghiacciaio, sotto un saracco, sa di affrontare una natura selvaggia e imprevedibile, da esplorare con cautela e con rispetto. Ma avvenimenti come questo ci dicono che i nostri ghiacciai e le nostre montagne stanno pagando, più di altri ecosistemi, il prezzo dei cambiamenti climatici come da tempo denunciano gli esperti e i metereologi, anche durante i corsi di Casacomune.

La montagna è tra gli ambiti che più paga questi cambiamenti ma ha meno responsabilità di quanto sta accadendo

La montagna, una terra ricca di risorse ma marginale dentro le logiche economiche di oggi, esattamente come le masse dei poveri e dei diseredati, ha poche responsabilità nei cambiamenti in atto, ma li subisce in maniera grave. Non dimentichiamo che il territorio montano è fonte di acqua e di energia per i centri urbani, generoso di materie prime e di servizi eco-sistemici, nonché un prezioso bacino di biodiversità: un ecosistema insomma fondamentale per la salute del pianeta e di chi lo abita. Malgrado ciò, è un territorio spesso lasciato a un destino di incuria e di abbandono, e neppure eventi catastrofici come la tempesta Vaia di pochi anni fa riescono a innescare una presa di coscienza sui rischi che questo abbandono comporta.

Benvenuti nella sesta estinzione di massa

Di fronte agli allarmi che da decenni ci lanciano gli scienziati del clima, è incomprensibile che gli attori pubblici ancora tendano a rinviare gli interventi necessari, che sarebbero semmai da anticipare. È assurdo e irresponsabile che si continui a investire sui combustibili fossili e si riparli di energia nucleare. La montagna ci insegna che questo è un atteggiamento suicida, perché quando la valanga poi parte trascina via tutto, con forza immensa. Proprio come si è visto in Marmolada.

Il disastro è purtroppo già iniziato, ci siamo già dentro. E una tragedia come questa, oltre al cordoglio per le vittime e la gratitudine verso i soccorritori, ci chiede uno scatto di consapevolezza, un’inversione di rotta con impegni concreti e non soltanto di facciata. Ce lo chiede subito, a partire dalle zone di montagna, da sempre dimenticate dalla politica, dalle politiche.

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar