Caldo, un'estate senza fine a causa della crisi climatica. Il commento di Antonello Pasini. Fonte: rawpixel
Caldo, un'estate senza fine a causa della crisi climatica. Il commento di Antonello Pasini. Fonte: rawpixel

Crisi climatica, un'estate senza fine

Le azioni umane contribuiscono all'aumento della temperatura globale e si aggiungono alla variabilità naturale del clima: in futuro a scienza capirà meglio cosa sta succedendo

Antonello Pasini

Antonello PasiniFisico climatologo del Cnr

6 novembre 2023

  • Condividi

Quest’anno l’estate nel nostro Paese sembrava non voler finire mai. Dopo giugno, luglio e agosto – ricordo che l’estate meteorologica è diversa da quella astronomica e comprende interamente questi tre mesi – il tempo caldo e secco è andato avanti fino a ottobre.

Perché le piogge sono sempre più violente?

Ma nel mondo siamo in buona compagnia: dopo l’estate più calda a livello globale, con 0,3 °C sopra il record stagionale precedente, è arrivato anche il settembre più caldo, con un salto che batte addirittura di 0,5 °C il record del settembre 2020: una situazione mai vista nella serie storica disponibile (si veda la figura più sotto) e nel momento in cui scrivo non sono ancora disponibili i dati di ottobre.

Come mai una situazione del genere?

Sappiamo che l’azione antropica guida la tendenza in continuo aumento della temperatura globale, ma su questo fattore si sovraimpone la variabilità naturale del clima, che contribuisce a brevi periodi più caldi o più freddi. Da qualche mese, ad esempio, si sta accentuando il riscaldamento delle acque del Pacifico con El Niño, che ha influenze dirette sulla temperatura in quanto rappresenta una vasta area della superficie terrestre, ma anche indirette con influssi a distanza su altre zone del pianeta.

Anomalie della temperatura globale rispetto alla media di settembre del periodo 1991-2020 (posta come zero). Guardian graphic. Fonte. Copernicus/Eras
Anomalie della temperatura globale rispetto alla media di settembre del periodo 1991-2020 (posta come zero). Guardian graphic. Fonte. Copernicus/Eras

Ciò non basta a spiegare quanto sta accadendo alla temperatura globale e allora ecco che si cercano altri imputati per capire questi salti così grandi. Ad esempio: un picco di aumento nel ciclo solare di 11 anni, tagli nelle emissioni di solfati da navi e industrie – che fungevano da schermo all’energia che giunge dal Sole – e, non ultima, l’eruzione vulcanica di Tonga, che ha immesso in atmosfera una grande quantità di vapore acqueo, esso stesso un gas a effetto serra. Ancora una volta, nell’impresa scientifica non bisogna fare omissioni, cioè non si deve trascurare nulla. Nel prossimo futuro capiremo meglio cosa sta succedendo.

Un pianeta sempre più caldo 

Abbiamo scalato un altro gradino verso qualche punto di non ritorno? Non credo, o almeno me lo auguro, ma certamente quando saranno passati questi influssi naturali rimarremo con il risultato delle nostre azioni e con un pianeta nettamente più caldo. Ricordo che, soprattutto se si riscaldano i mari, la loro inerzia termica ci porta su un “pianerottolo” di temperature più alto da cui non si torna indietro, almeno a breve termine
Un ulteriore motivo per agire in fretta.

Crediamo in un giornalismo di servizio a cittadine e cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2024 - numero 25

African dream

Ambiente, diritti, geopolitica. C'è un nuovo protagonista sulla scena internazionale

African dream
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar