Foto di cottonbro CG studio/Pexels
Foto di cottonbro CG studio/Pexels

Imparare dagli altri. L'insulto come ricetta per la pace

Nell'Africa tradizionale, familiari e gruppi di etnie diverse si ingiuriano reciprocamente per stemperare le tensioni e instaurare rapporti duraturi basati sull'ironia

Francesco Remotti

Francesco RemottiProfessore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

1 maggio 2024

Che gli umani, soprattutto quelli di genere maschile, indulgano ad aggredirsi non solo verbalmente ma anche fisicamente è del tutto un’ovvietà. Succede anche, assai spesso, che le aggressioni si generino in contesti in cui gli interessati si trovano su sponde opposte: schieramenti diversi, gruppi diversi, famiglie diverse, età diverse.  Immaginiamo di trovarci in una società africana tradizionale, dove un uomo per sposarsi deve raccogliere dai suoi parenti un certo numero di capi di bestiame (bovini o ovini) e farlo pervenire alla famiglia della futura sposa. È inevitabile che tra il marito e i fratelli della sposa affiorino motivi di tensione e che questi motivi non siano circoscritti alla consegna del bestiame (in ordine alla sua qualità, per esempio), ma trovino una pluralità di occasioni per riemergere e indurre i cognati a trasformare la tensione in conflitto. Con tutti i cognati, potenzialmente aggressivi, che si trovano in un villaggio o in villaggi vicini, è lecito pensare che quella società si preoccupi fortemente delle lacerazioni che possono determinarsi nel tessuto sociale. 

Scopri "African dream", il numero de lavialibera che racconta l'Africa con occhi diversi

Tutto ciò è abbastanza ovvio. Un po’ meno ovvia è la soluzione inventata nell’Africa tradizionale: costruire un modello di comportamento tale per cui, quando due cognati si incontrano, anziché salutarsi educatamente e poi continuare nelle loro faccende, si aggrediscono verbalmente con gli insulti peggiori, anche in assenza di motivi di lite contingenti. Non si viene alle mani, si viene però alle parole, e questo è un comportamento non solo previsto e tollerato, ma anche ingiunto. Guai se i due cognati non si insultassero: se non lo facessero ci sarebbe da dubitare del loro rapporto. Un rapporto sano tra cognati prevede scambi di insulti reciproci. Anziché preoccuparsi la gente dirà che quelli sono buoni cognati. Oltre tutto, i loro insulti grevi e immaginifici fanno anche ridere a crepapelle chi vi assiste e chi vi partecipa. 

Antidoto contro i conflitti

La rivista

2024 - numero 26

Truffe al pascolo

Mafie, imprenditori e colletti bianchi si spartiscono milioni di euro di frodi alla politica agricola Ue, a scapito di ecosistemi, salute, casse pubbliche e piccoli pastori

Truffe al pascolo
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar