Roma è diventata la Capitale delle disuguaglianze

Durante il lockdown, a fronte di 140 mila richieste di aiuto alimentare, soltanto 55 mila sono state soddisfatte. È una crisi di sistema e di struttura che la pandemia ha accelerato colpendo soprattutto i ceti popolari

Giuseppe De Marzo

Giuseppe De MarzoPoltiche sociali di Libera e coordinatore della Rete dei numeri pari

31 agosto 2020

  • Condividi

Che gran dono de Dio ch’è la bellezza!
Sopra de li quadrini hai da tenella:
pe via che la ricchezza nun dà quella,
e co quella s’acquista la ricchezza.

Giuseppe Gioachino Belli - poeta

Impoverita, impaurita, fragile e diseguale. Piena di solitudini, vuota di democrazia ma allo stesso tempo bellissima, ricca di luoghi e spazi di umanità e relazioni solidali. È questo che ha impedito alla Capitale d’Italia di sprofondare durante il lockdown: il dato sugli aiuti alimentari richiesti, accettati ed effettivamente erogati dal Comune lo spiega perfettamente. Le richieste di aiuto sono state 140 mila. Burocrazia e cultura del sospetto verso i poveri, visti come neghittosi e furbetti, hanno ridotto colpevolmente a 93mila le richieste accettate dal Comune. Di queste, solo 55mila sono state soddisfatte nonostante i soldi, molto pochi, messi a disposizione dal governo su questa voce. Decine di migliaia di famiglie ignorate.

L’invisibilità delle vite di scarto, di chi non può rimanere a casa perché una casa non ce l’ha o perché lavora a nero o nell’economia informale. Se non fosse stato per la solidarietà, la cooperazione e le forme di mutualismo messe in campo in maniera più o meno organizzata dalle realtà sociali romane, migliaia di famiglie non avrebbero avuto nessun sostegno. Siamo dinanzi a una crisi di sistema e di struttura che la pandemia prodotta dal Covid-19 ha solo accelerato, colpendo maggiormente i ceti popolari. I dati e le ricerche parlano della più grave crisi dal dopoguerra ad oggi. In Italia sono milioni senza protezioni sociali, insieme ad altri milioni a cui diritti e protezioni sono stati tagliati. Ultimi e penultimi.

Roma è anche una capitale dello spaccio. Soltanto nel 2018 sono state sequestrate cinque tonnellate di stupefacenti. La geografia dei traffici è diventata sempre più difficile da leggere

Le tendenze nazionali a Roma sembrano amplificarsi, trasformando la città nella Capitale delle disuguaglianze. La complessità dei problemi, l’intreccio delle cause e l’assenza di risposte politiche adeguate hanno alimentato e rafforzato la penetrazione della criminalità organizzata. L’11 giugno un altro incendio di natura dolosa ha colpito il quartiere di Centocelle a Roma. Questa volta è toccata alla palestra Haka Academy. Dopo le bombe di novembre, l’attacco alla libreria Pecora Elettrica, al Baraka Bistrot, alla pinseria Cento55, le intimidazioni e le minacce agli attivisti, sono tornate a farsi sentire l’arroganza e la violenza. Lo abbiamo detto e lo ribadiamo ancora una volta: quando la politica è debole, le mafie sono forti.

Il ricatto economico sui quartieri impoveriti, il livello di collusione e corruzione sono in aumento a grande velocità. I dati nella capitale riflettono e amplificano le contraddizioni, drammatizzandole in misura maggiore. Numeri che già prima del Covid-19 erano inequivocabili: l’1,8 per cento della popolazione possedeva un reddito superiore ai 100 mila euro, mentre il 51,3 per cento un reddito inferiore ai 15 mila; più di 150 mila anziani (un terzo del totale) vivevano con meno di 11 mila euro, non potendo fare fronte a nessuna emergenza; la metà delle famiglie era in una situazione di vulnerabilità sociale e un terzo a rischio esclusione; i Neet (giovani che non hanno un lavoro e non lo cercano, non studiano e non sono nemmeno in formazione) erano raddoppiati negli ultimi dieci anni raggiungendo la cifra record europea di 134 mila. Per questo la crisi sanitaria prodotta dal Covid-19, unita all’inadeguatezza della giunta di Virginia Raggi e all’esiguità dei fondi stanziati dal governo, si è trasformata subito in crisi sociale. Il virus non ci ha reso più uguali e non ha agito su un tessuto omogeneo.

La criminalità approfitta della pandemia per sostituirsi all'assistenza pubblica. Dai territori, l'allarme di Libera e delle altre associazioni preoccupate per la crescita di consenso ai clan

Sul fronte casa la situazione è drammatica. I soldi stanziati dal governo, 140 milioni, sono briciole (le regioni ne hanno chiesti 500). A Roma sono state 60 mila le domande di aiuto, a cui si sommano circa 20 mila famiglie che vivono in emergenza abitativa da tempo. Sono meno di 200 euro a famiglia di aiuto. Una miseria. Per non parlare dell’accoglienza. A Roma ci sono circa 25 mila senza fissa dimora e solo poche centinaia di posti letto messi a disposizione dal Comune che ignora tutte le richieste presentate da anni dalle realtà che se ne occupano. Le stesse che durante la quarantena hanno garantito da sole il servizio, esponendosi a rischio.

I problemi aumentano perché senza cooperazione e solidarietà non si esce dalla crisi. Ed è proprio su questi due pilastri che si sta ricostruendo una partecipazione politica che ha rimesso al centro gli obiettivi condivisi da cittadini e reti sociali. Diritto all’abitare attraverso investimenti pubblici e riutilizzo del patrimonio pubblico e confiscato, investimenti sulle politiche sociali e coprogettazione dei servizi, garanzie occupazionali per i lavoratori che hanno un rapporto di lavoro dipendente dal Comune di Roma, la concessione della residenza per chi vive in stabili di fortuna e la condivisione di procedure chiare per permettere l’accoglienza delle persone fragili nei centri, sono le richieste urgenti e di buon senso che le circa 90 realtà sociali e sindacali del nodo romano della Rete dei Numeri Pari continuano a portare avanti attraverso una mobilitazione permanente in città. Ma senza uno sguardo diverso e senza una cultura politica che rimetta al centro la relazione tra diritti sociali, diritti umani e diritti della natura non usciremo dalla crisi. Perché non c’è peggior crisi di quella che non si comprende.

Da lavialibera n° 3 maggio/giugno 2020

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2023 - numero 24

La pace è un altro gioco

Non esiste una sola pace, ma paci diverse, al plurale. Giuste e ingiuste, stabili e instabili. Per costruirle ci vogliono impegno e fatica, perciò le guerre è meglio prevenirle che curarle

La pace è un altro gioco
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar