Nuovi lavori, nuovi schiavisti: noi

Ad Abderrahim hanno spezzato una vertebra del collo per aver chiesto gli arretrati: una storia di ordinario sfruttamento, di cui siamo complici

Alice Bardelli

Alice BardelliLibreria Odradek Roma

19 luglio 2021

  • Condividi

"L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro in subappalto". In questa frase è racchiuso il saggio-inchiesta della giornalista Valentina Furlanetto, Noi schiavisti. Come siamo diventati complici dello sfruttamento di massa (Editori Laterza, euro 15,20). È un libro che parla e racconta lo sfruttamento dei lavoratori, di come negli ultimi decenni abbia assunto nuove forme – non esiste più solo il lavoro in nero, ma anche la sua forma legale: quella del lavoro nelle cooperative in appalto –, di come in Italia questo processo di trasformazione si sia attuato seguendo modelli autoctoni e stranieri. Furlanetto, però, ne parla dando voce a chi lo sfruttamento lo vive tutti i giorni.

Ha raccontato le storie di tanti lavoratori diversi: l’operatore socio-sanitario, il bracciante, la badante, il rider, il fattorino dell’industria della carne, il corriere. Hanno tutti nomi e volti differenti, ma sono accomunati dalla stessa sorte. Sono immigrati, alcuni nati in Congo, Bangladesh, India e in altre parti del mondo e senza cittadinanza italiana, altri nati Italia e sempre senza cittadinanza. Hanno bisogno di lavorare non per essere liberi, ma per poter sopravvivere. E non possono permettersi di scegliere o di protestare per richiedere condizioni di lavoro migliori, che per altri sono normali. Se ci provano, la storia difficilmente avrà un lieto fine. Come Abderrahim Belgaid che da quindici anni è paralizzato per aver reclamato i suoi tre mesi arretrati di stipendio. Il suo datore di lavoro lo ha picchiato, spezzandogli una vertebra del collo. 

Leggi tutte le recensioni dei nostri librai qui

Dunque, lo sfruttamento di massa è cambiato, si è radicato nel nostro sistema economico, diventandone una parte fondamentale: ha cambiato volto, colore, forma e si è progressivamente nascosto. E, così, è nato un altro tipo di lavoratore con tanti doveri e pochi diritti: quello che è assunto da cooperative che lavorano in appalto per altre aziende. Ha un contratto ma viene pagato di meno, non ha gli stessi diritti di chi, invece, viene assunto direttamente dall’azienda e quello che per molti sembra scontato – ferie, permessi, malattie – per loro, spesso, è un miraggio. 

Nel descrivere questa categoria di sfruttati e la macchina che li controlla, Furlanetto si mette in gioco: non parla di sfruttati e sfruttatori come di persone senza volto o senza identità. Gli sfruttati raccontano le proprie storie, ma lo fanno anche gli sfruttatori e lo fa lei, la scrittrice, che come tutti è complice silenzioso di questo sfruttamento di massa, un complice che non può fermare la macchina perché, in fondo, conviene. È un libro crudo, diretto, ma pieno di sentimento. Ed è per questo che il messaggio arriva forte e veloce e sembra quasi bucare la pagina. Così il lettore prende progressivamente coscienza di qualcosa che è sotto ai suoi occhi sempre, ma che forse sarebbe meglio non vedere.

Da lavialibera n°9 2021 - Picchio, dunque sono

  • Condividi

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar