Guerra in Ucraina, Mosca sotto le sanzioni

Dall'inizio della guerra in Ucraina*, nella capitale russa tutto sembra andare avanti come sempre, ma non è così. Salgono i mutui, i costi delle auto e dei farmaci. Finora soltanto i giovani laureati o le persone con reddito basso hanno avvertito le conseguenze delle restrizioni economiche. "Tra un anno sarà peggio", sostiene Konstantin, un ricercatore universitario

Yulia Nevskaya

Yulia NevskayaFotografa

13 luglio 2022

  • Condividi

* Il 4 marzo scorso il parlamento russo ha adottato una legge che punisce fino a 15 anni di carcere i giornalisti e blogger che usano le parole "guerra" e "invasione" riferendosi al conflitto in Ucraina, definito dalle autorità di Mosca come "operazione militare speciale". Per evitare un’ingiusta repressione l’autrice non utilizza queste parole nel suo testo


Il 24 febbraio la vita dei russi è cambiata. Dal primo mattino, una raffica di messaggi è apparsa sui social network: le persone scrivevano di non poter credere che le truppe russe fossero entrate nel territorio dell'Ucraina. Agli occhi della maggior parte della gente comune e degli esperti, lo sviluppo degli eventi sembrava impensabile. Come ha affermato in un’intervista Ekaterina Shulman, nota scienziata politica e ricercatrice recentemente bollata come “agente straniero” dalla Russia, si sono avverate quelle previsioni a cui credevano soltanto gli scemi del villaggio.

Le persone non hanno avuto il tempo di riprendersi dallo shock di ciò che stava accadendo, quando sono cominciate ad arrivare notizie su un’ondata di sanzioni. Sulle sanzioni, così come sull’"operazione militare speciale" (così le autorità russe vogliono che si chiamino gli eventi in Ucraina), le opinioni sono radicalmente divise. Alcuni sono andati all’estero perché non riescono a immaginare di vivere e lavorare qui in queste condizioni; altri, al contrario, affermano con sicurezza che si possa sostituire tutto con prodotti di fabbricazione russa, che senza McDonald’s andrà meglio e che non c’è bisogno di realtà come Booking o AirB&B. Ciò detto, la maggior parte di coloro che comprendono l’entità delle conseguenze economiche e sociali rimangono comunque in Russia e cercano di adattarsi alle nuove condizioni.

Guerra in Ucraina, la sclerosi del potere di Putin

Poveri e globalizzati

A un paio di mesi dall'inizio degli eventi, secondo i segnali esterni, la vita nella capitale è cambiata poco. Il 9 maggio è stato celebrato il Giorno della Vittoria, pomposo e luccicante come sempre negli ultimi anni. La gente cammina con calma per le strade, non ci sono scaffali vuoti nei negozi di alimentari. Solo le porte chiuse di alcuni store di marca e le lettere "Z" su autobus e altri mezzi pubblici ricordano che qualcosa non va. Tuttavia, in realtà, le sanzioni hanno già colpito un numero enorme di persone in tutte le sfere della vita quotidiana. "L'irrogazione delle sanzioni è stata avvertita soprattutto da persone di età compresa tra i 24 e i 35 anni che hanno un’istruzione superiore e un lavoro, nonché persone con un basso benessere materiale, quelli che hanno a malapena i soldi per il cibo e non ne hanno abbastanza per vestiti e scarpe", afferma Aleksey Minyaylo, politico dell'opposizione russa. Chronicles, il suo gruppo di ricerca indipendente, ha condotto uno studio sociologico a fine marzo sull'impatto delle sanzioni sulle persone. "Le persone con una posizione finanziaria elevata sentono le sanzioni molto meno. Tra la categoria di cittadini molto abbienti, solo il 23 per cento ha risposto di sentirne gli effetti. Non appena l’economia viene colpita, i più poveri diventano sempre più poveri. Tra questa categoria di persone, il 55 per cento degli intervistati ha risposto che il proprio reddito è notevolmente diminuito".

Le sanzioni economiche ufficiali e la percezione del popolo russo come aggressore isolano la Russia dalla comunità mondiale. Ma in questa fase, questo isolamento non colpisce molto i decisori del Paese e le persone che sostengono le autorità. L'isolamento colpisce soprattutto coloro che condividono i valori umani universali, che sono portati a integrarsi con la comunità mondiale e che, di conseguenza, non supportano le attuali decisioni delle autorità russe. Persone che viaggiavano regolarmente all'estero, avevano rapporti economici con colleghi di altri paesi e partecipavano a conferenze e altri eventi internazionali. Le persone che invece non hanno mai avuto scambi con l’estero e si informano dalle fonti ufficiali russe non subiranno una grave perdita. Le pessime condizioni finanziarie e la mancanza di prospettive per un futuro migliore sono, sfortunatamente, elementi comuni per queste categorie di persone.

La guerra in Ucraina legittima il riarmo

Medicine più care o introvabili

La gente in Russia ricorda bene gli anni ‘90, dopo il crollo dell'Unione sovietica, e ha molta paura che si ripetano le stesse condizioni di allora. C’era stata una grave crisi: i negozi erano vuoti e molte persone avevano perso il lavoro o non avevano ricevuto lo stipendio per mesi. Così la prima reazione alle sanzioni, anche questa volta, è stata quella di fare scorta di cibo e tutte le medicine necessarie. Zucchero, olio di girasole e altri beni necessari sono scomparsi dai negozi in fretta. Nelle farmacie, con gli ultimi soldi, le persone acquistavano scorte di antidepressivi e altri medicinali per le malattie croniche. Ora le consegne sono riprese, ma i prezzi sono diventati molto più alti. Per alcune categorie di merci, sono raddoppiati o più.

Capire la perestrojka. Michail Gorbacev spiega il periodo di riforme attuate alla fine dell'Urss

"Un intero gruppo particolare di medicinali ausiliari per il trattamento del diabete è scomparso. Ci sono state interruzioni nella fornitura di medicinali per la pressione sanguigna. Ci sono anche difficoltà con i farmaci per l’asma: quelli originali sono saliti alle stelle e i generici, a prezzi accessibili, sono rapidamente esauriti – afferma Anna, medico generalista in una grande clinica di Mosca –. Tutti gli interventi chirurgici non urgenti dei miei pazienti sono stati rimandati a causa della mancanza di materiale". Il grosso problema è l’incertezza: in questa fase non è affatto chiaro come si svilupperà la situazione e in futuro se le persone potranno ricevere i farmaci di cui hanno bisogno per la vita. "Le persone stanno attraversando un periodo difficile. Di tutti i pazienti, circa il 50 per cento dichiara di provare ansia e disturbi del sonno. I casi di attacchi di panico, soprattutto crisi d’ansia, sono diventati più frequenti. Di solito le malattie psichiatriche sono stigmatizzate nel nostro Paese, ma ora questo fattore è passato in secondo piano. Psichiatri e psicologi lavorano al limite", dice Anna.

Basta importazioni di automobili

Tutto è aumentato di prezzo. Se prima un lavoratore residente a Mosca, che si considera nella classe media, poteva permettersi una serie di beni (un appartamento, un’auto, un viaggio...), ora le possibilità sono diminuite. I tassi sui mutui sono saliti in fretta dal 12 per cento al 25 per cento, ora sono leggermente scesi, ma sono ancora importi che la maggior parte delle persone non possono sostenere. Il costo delle auto è triplicato in pochi giorni. "Avevo intenzione di acquistare a credito un'auto usata. E ora un’auto di dieci anni del livello Peugeot 308, Ford Focus, Kia Ceed ha un prezzo paragonabile a un monolocale in una grande città regionale", afferma Galina, un avvocato di Mosca. Da molti anni si è specializzata nella tutela della proprietà intellettuale. Nello studio legale in cui lavorava, Galina guidava un dipartimento diventato ridondante a causa delle sanzioni: "Ora molti produttori interrompono il loro lavoro, quindi i miei servizi non vengono reclamati. A causa delle sanzioni contro il sistema bancario, molte piccole imprese sono chiuse, perché è difficile per loro trovare soluzioni alternative per i pagamenti". È chiaro che le restrizioni imposte a un settore trascineranno le altre aree e, di conseguenza, migliaia di persone rimarranno senza lavoro, senza attività in proprio, senza un alloggio per il quale non possono pagare il mutuo.

Guerra in Ucraina, umanità alla frontiera

La scienza bloccata

L’isolamento ha influenzato non solo l’ambito economico, ma anche quello morale. Scienziati, artisti e figure della cultura, imprenditori e molti altri ritengono che gli sforzi di anni siano stati inutili. Hanno il terrore di essere esclusi dalla comunità globale di riferimento. "È diventato subito molto chiaro che le nostre opportunità sono andate perse. La vita nel campo scientifico è cambiata radicalmente e anche la percezione degli scienziati russi nel mondo – afferma Konstantin, ricercatore all'Università di Mosca e capo del laboratorio dell’Università Pirogov che studia l’invecchiamento cellulare –. È molto importante che, nel mondo, gli scienziati siano riconosciuti in maniera adeguata: quando vai alle conferenze, non vuoi essere considerato un emarginato. Già una settimana dopo l’inizio della “operazione militare speciale”, c’era la sensazione che fossimo tagliati fuori e cacciati dal mondo della scienza". Konstantin afferma che quasi tutte le apparecchiature e i reagenti sono importati dai paesi occidentali e che ora i reagenti dovranno essere ordinati dalla Cina, sebbene la loro qualità sia ancora imprevedibile. Lo stock di materiale basterà per un anno o due al massimo e non è ancora del tutto chiaro cosa succederà dopo. "Con le sanzioni il mio ambito di lavoro è tornato indietro di decenni. Ora non si nota, ma tra un anno sarà più evidente. E dopo due, molti scienziati che hanno fatto progredire questa scienza se ne andranno – conclude –. Guardando la situazione senza badare al contesto, tutto sembra andare bene. Se ora l’economia nazionale è forte, tutto sarà diretto a scopi militari. Non andrà bene per nessuno, inclusa la Russia. Ma d’altra parte, questa raffica di sanzioni è pesante e non è sempre chiaro perché dobbiamo essere noi a soffrirne".

Da lavialibera n° 15

  • Condividi

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar