Testimoni alla frontiera

In meno di quattro anni, 12mila persone hanno attraversato a piedi il confine italo-francese. I migranti cercano di valicarlo di notte, per non essere respinti dalla polizia francese

Valerio Muscella

Valerio MuscellaFotoreporter

Michele Lapini

Michele LapiniFotoreporter

Aggiornato il giorno 27 maggio 2021

Una notte in cella, in stanze separate, senza cellulari e scarpe, videosorvegliati, sotto la luce continua e con la necessità di chiedere il permesso per andare a bere e al bagno. È ciò che ci è successo solo per aver documentato, la notte del 6 aprile scorso, il passaggio di un gruppo di otto migranti sul confine italo-francese, cinque afgani e tre iraniani. Siamo stati fermati dalla polizia di frontiera francese (Paf) poche centinaia di metri dopo il confine. I migranti sono stati perquisiti, interrogati e dopo quattro ore respinti in Italia. Noi fotogiornalisti, nonostante avessimo mostrato una lettera di collaborazione con un’associazione locale, il tesserino di iscrizione all’Associazione italiana reporter e fotografi, i nostri siti web e, addirittura, le fotografie scattate durante il passaggio, siamo stati accusati di essere trafficanti di esseri umani e trattenuti in custodia cautelare tutta la notte. Dopo 16 ore siamo stati rilasciati senza neanche una carta che attestasse lo stato di fermo.

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar