Nedzad Husovic, rom di origini bosniache nato e cresciuto a Roma, non ha alcuna cittadinanza
Nedzad Husovic, rom di origini bosniache nato e cresciuto a Roma, non ha alcuna cittadinanza

Apolidi in cerca d'identità

Nedzad Husovic, rom di origini bosniache nato e cresciuto a Roma, non ha alcuna cittadinanza. Sono circa mille i "nomadi" in questo limbo giuridico

Ylenia Sina

Ylenia SinaGiornalista

9 dicembre 2021

Quando ha provato per la prima volta a richiedere la cittadinanza italiana, Nedzad Husovic, nato a Roma nel 1991 e cresciuto nel campo rom Casilino 900, nella zona di Centocelle, aveva 25 anni. La lettera con la quale il Comune avrebbe dovuto informarlo della possibilità di richiederla tra il 18esimo e il 19esimo anno d’età non gli è mai stata recapitata. Non sapeva di averne diritto e non ha inoltrato la domanda.

"La legge non ammette ignoranza", commenta Nedzad che tutti chiamano Pio, il soprannome dell’infanzia. È seduto nel giardino del Polo ex fienile, centro culturale nel quartiere popolare di Tor Bella Monaca, dove lavora come educatore dell’associazione 21 luglio, organizzazione che si occupa di discriminazioni e diritti umani. Dietro di lui un gruppo di donne di diverse nazionalità sta seguendo una lezione di italiano. Pio non ha nemmeno la cittadinanza bosniaca, Paese d’origine della sua famiglia. "Mia madre, pur essendo nata in Italia, ne è sprovvista. Solo mio padre è un cittadino bosniaco, ma non mi ha registrato presso l’ambasciata. Sono un apolide di fatto". Per questo, oggi, Pio si sta battendo per veder formalmente riconosciuto lo stato di apolide con l’obiettivo di richiedere poi la cittadinanza italiana.

lavialibera sotto l'albero:

3 box regalo per festeggiare informati

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar