Un double-decker (caratteristico autobus a due piani) da cui inizia il viaggio del protagonista
Un double-decker (caratteristico autobus a due piani) da cui inizia il viaggio del protagonista

La sorprendente estate del prof precario in Uk

Giovane professore, invece di tornare a casa in Calabria per le vacanze, va a lavorare in un ristorante italiano nella periferia di Manchester. E trova la felicità. Alright, compà di Rino Garro (Rubbettino, 2021) è un romanzo generazionale

Gianluca Albanese

Gianluca AlbaneseLibreria “Mag. La ladra di libri” di Siderno (Rc)

21 febbraio 2022

  • Condividi

Un romanzo generazionale. Alright, compà di Rino Garro (Rubbettino, 2021) è la storia di un professore in perenne attesa di una stabilità professionale e di un’identità meno precaria. Esaurita la scorta d’immaginazione e d’ideali nella città in cui lavora, Firenze, il protagonista decide di rompere la sua routine e di investire oltremanica la sua estate “ponte” tra un contratto a tempo e l’altro, nel ristorante gestito da un conterraneo.

Il diritto all’istruzione, codificato sia a livello internazionale che nazionale, è uno dei cardini su cui si costruiscono democrazia e sviluppo. Tutti i nostri articoli 

Quale sconsiderato rinuncerebbe a un’estate giù in Calabria, tra le coccole di familiari e amici, un tuffo al mare, una scarpinata in montagna e l’immancabile insalata di pomodori, cipolle e basilico a cena? Pochi lo avrebbero fatto, almeno fino a quando la vita di chi studiava e rimaneva a lavorare lontano da casa era scandita da tempi e ritmi certi. Finito il lavoro, i treni a lunga percorrenza garantivano con relativo comfort di tornare a casa con puntuale e immancabile regolarità. Finché il tarlo del precariato ha cominciato a erodere tutto, compresi i risparmi e le certezze. In Alright compà c’è tutto questo. Niente valigia di cartone e dialetto inquinato dall’inglese, come i nonni, ma un eterno presente, vissuto in bilico tra la nostalgia di casa e la voglia di cambiare aria e vita per sempre.

Il viaggio del protagonista inizia a bordo di un double-decker (caratteristico autobus a due piani), tra i ricordi del viaggio giovanile, coi suoi amori e gli amici nel frattempo cresciuti, e un presente di bevute e parole, tempi della quotidianità di un ristorante italiano nella periferia di Manchester.

L’autore accompagna il lettore nell’ambiente, incoraggiandolo a spostare le tendine per vedere il cielo grigio e nuvoloso di un’estate diversa. Gli permette di sentire la superficie ruvida di una moquette polverosa e i piedi bagnati, dentro scarpe basse, sui marciapiedi deserti di un’estate che sembra novembre.

La narrazione del romanzo non è malinconica, anzi. Grazie al cameratismo della crew del ristorante, composta in larga parte da conterranei, e qualche avventura favorita da una pinta in più, l’Inghilterra del protagonista diventa un posto dove si può stare bene. La scrittura gentile e diretta introduce chi legge nelle stanze fumose e poco illuminate, dove è possibile incontrare un po’ di felicità. Forse l’unico bene che vale la pena di cercare e tenere stretto.

Da lavialibera n° 12

  • Condividi

La rivista

2022 - numero 15

Povero lavoro

Lavorare non garantisce né sicurezza economica né qualità della vita. Più di una persona su 10 si trova in condizioni di povertà anche se ha un lavoro, mentre cresce il numero di chi non ce la fa più a sopportare il peso di competizione e performance sempre più alte

Povero lavoro
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar