Ortoressia: l'ossessione del cibo "sano" per forza

Nel 1997 il medico statunitense Steven Bratman conia il termine ortoressia per indicare l'eccessiva rigidità nel seguire una dieta salutare o presunta tale. Una parola nata quasi per caso, in balìa di letture azzardate e test poco attendibili

Marco Panzarella

Marco PanzarellaRedattore lavialibera

17 maggio 2022

Passi più di tre ore al giorno a pensare alla tua dieta? Il valore nutritivo del tuo pasto è più importante del piacere di mangiarlo? Ti senti in colpa quando ti allontani dalla tua dieta? Sono alcune delle domande del The Bratman test for orthorexia, un questionario facilmente reperibile online che – almeno nelle intenzioni – individua chi è affetto da ortoressia nervosa, un disturbo alimentare in cui i pazienti, impegnati nel seguire una dieta, finiscono per diventarne schiavi, attribuendo un’importanza eccessiva al cibo sano. 

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar