Arrestato Matteo Messina Denaro, Ciotti: "Notizia di cui essere felici, ma le mafie non sono soltanto i loro capi"

"Esultiamo pure per la cattura di Messina Denaro, ma nella consapevolezza che l'arresto di oggi non è la conclusione, bensì l'inizio di un lungo percorso. Non ripetiamo gli errori commessi dopo la cattura di Riina", sostiene Luigi Ciotti, fondatore di Libera

Luigi Ciotti

Luigi CiottiDirettore editoriale lavialibera

16 gennaio 2023

  • Condividi

Abbiamo appena ricordato il trentesimo anniversario dell’arresto di Totò Riina, detto “il capo dei capi”, avvenuto il 15 gennaio del 1993, e oggi ci arriva la bella e confortante notizia dell’arresto, dopo trent’anni di latitanza, di Matteo Messina Denaro, suo “delfino” e designato successore alla guida di Cosa nostra. Ciò che però un po’ preoccupa è rivedere le stesse scene e reazioni di trent’anni fa: il clima di generale esultanza, l’unanime plauso dei politici, le congratulazioni e le dichiarazioni che parlano di “grande giorno”, di “vittoria della legalità” e via dicendo.

Lo ripeto: è una notizia di cui essere felici ed è giusto, anzi doveroso, il riconoscimento alle forze di polizia e alla procura, che per tanti anni, con sforzo e impegno incessanti, anche a costo di sacrifici, hanno inseguito il latitante. Ma non vorrei si ripetessero pure gli errori commessi in seguito alla cattura di Riina.

Cosa nostra dopo Riina

Messina Denaro ha traghettato Cosa nostra dal modello militare e "stragista" a quello attuale, imprenditoriale e tecnologico, capace di dominare attraverso la corruzioneLuigi Ciotti

Le mafie non sono riducibili ai loro “capi”, non lo sono mai state e oggi lo sono ancora di meno, essendosi sviluppate in organizzazioni reticolari in grado di sopperire alla singola mancanza attraverso la forza del sistema. Sviluppo di cui proprio Matteo Messina Denaro è stato promotore e protagonista, traghettando Cosa nostra dal modello militare e “stragista” di Riina a quello attuale, imprenditoriale e tecnologico capace di dominare attraverso la corruzione e il “cyber crime”, riducendo al minimo l’uso delle armi. Una mafia che ha costruito un sistema parallelo a quello dello Stato e che in molti casi – come è emerso con forza durante la pandemia – ha garantito quei servizi che lo Stato ha dovuto sospendere o ha sempre offerto a singhiozzo.

Queste sono le mafie, oggi. Senza contare che Cosa nostra non ha più da tempo quella posizione preminente tra le organizzazioni criminali che occupava negli anni Novanta, scalzata in Italia e nel mondo dalla ‘ndrangheta, mafia che per prima ha compreso la necessità di svilupparsi come rete insediandosi nelle infinite “zone grigie” della cosiddetta economia di mercato, sistema globale che ha come unica etica quella del profitto a tutti i costi, del capitale accumulato anche a disprezzo di quello umano.

È questa, la latitanza della politica indirettamente complice di quella di Messina Denaro: la mancata costruzione, in Italia come nel mondo, di un modello sociale e economico fondato sui diritti fondamentali – la casa, il lavoro, la scuola, l’assistenza sanitaria – modello antitetico a quello predatorio che produce ingiustizie, disuguaglianze e vuoti di democrazia che sono per le mafie di tutto il mondo occasioni di profitto e di potere.

Non dobbiamo dimenticarci di tutto questo, nella giusta esultanza per l’arresto di Messina Denaro. Come dobbiamo augurarci che all’arresto segua una piena confessione e collaborazione con la magistratura, augurarci che il boss di Cosa nostra sveli le tante verità nascoste, a cominciare da quelle che hanno reso possibile la sua trentennale latitanza: non si sfugge alla cattura per trent’anni se non grazie a coperture su più livelli (leggi l'articolo e guarda la mappa). Occorre che queste complicità emergano, anche perché solo così tanti famigliari delle vittime di mafie che attendono giustizia e verità avrebbero parziale risarcimento al loro lungo e intollerabile strazio.

Dunque esultiamo pure per la cattura di Messina Denaro ma nella consapevolezza che l’arresto di oggi non è la conclusione ma l’inizio di un lungo percorso, di una lotta per sconfiggere le mafie fuori e dentro di noi.  

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2022 - numero 18

Oltre le convenzioni

Nel dicembre del 2000, a Palermo veniva firmata la Convenzione Onu contro il crimine organizzato transnazionale, presentata in termini trionfalistici come una svolta nella lotta ai fenomeni mafiosi in tutto il mondo. Ma cosa è cambiato da allora? Qual è lo stato dell'arte in fatto di contrasto ai traffici illeciti globali?

Oltre le convenzioni
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar