Foto di Karsten Würth (Unsplash)
Foto di Karsten Würth (Unsplash)

Clima e ambiente, i due grandi assenti in campagna elettorale. Il report di Greenpeace Italia

Il nuovo report dell'Osservatorio di Pavia per Greenpeace Italia rivela che crisi climatica e temi ambientali rimangono esclusi dal dibattito politico in vista delle Europee. Di fronte all'emergenza, il governo non si applica per transizione energetica

Giada Zanarini

Giada ZanariniStagista

22 maggio 2024

  • Condividi

Le elezioni europee si avvicinano e la campagna elettorale si fa sempre più intensa. L’Osservatorio di Pavia ha redatto per Greenpeace Italia un report che indaga la presenza di clima e ambiente all’interno dei discorsi elettorali di undici leader politici italiani appartenenti a partiti diversi. Emerge che i riferimenti a questi temi nel dibattito politico sono scarsi, nonostante la condizione di urgenza climatica in cui ci troviamo.

Pnrr, tutti i tagli alla rivoluzione verde

Per i temi ambientali non c’è posto né a sinistra, né al centro, né a destra

Le personalità politiche coinvolte nell’indagine sono Angelo Bonelli, Carlo Calenda, Giuseppe Conte, Nicola Fratoianni, Riccardo Magi, Giorgia Meloni, Gilberto Pichetto Fratin, Matteo Renzi, Matteo Salvini, Elly Schlein e Antonio Tajani. Lo studio parte dal monitoraggio delle dichiarazioni da loro pubblicate sulle rispettive pagine Facebook e rilasciate in 98 edizioni serali dei telegiornali Rai, Mediaset e La7 e in 57 puntate dei principali talk show politici e programmi di approfondimento nelle prime due settimane di maggio.

Anche noi siamo "Stampa libera per il clima"

Il risultato è che soltanto nell’8 per cento dei casi i politici accennano alla crisi climatica, percentuale che sfiora l’11 per cento se si includono anche temi ambientali non connessi al clima, ma che scende drasticamente al 4 per cento se si considerano le dichiarazioni esclusivamente dedicate al riscaldamento globale. 

Ambiente, l'agenda con gli incontri tra il ministero e i lobbisti non esiste

Gilberto Pichetto Fratin di Forza Italia, in quanto ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, come prevedibile è uno dei politici che più parla di ambiente, seguito da Angelo Bonelli (Alleanza Verdi Sinistra), Riccardo Magi (Stati Uniti d’Europa) e Matteo Salvini (Lega). Stupisce che le due protagoniste della campagna elettorale non si pronuncino granchè in materia: Elly Schlein ne parla nel 7,8 per cento delle dichiarazioni, mentre Giorgia Meloni si ferma al 3,4 per cento. 

Come afferma Federico Spadini, campaigner Clima e Trasporti di Greenpeace Italia, “nonostante le alluvioni che hanno colpito il nord Italia pochi giorni fa, le temperature record degli ultimi mesi e un’estate di siccità alle porte che rischia di mettere in ginocchio tutto il Centro-Sud, la maggior parte della politica italiana sembra del tutto indifferente alla crisi climatica e alle azioni necessarie per fermarla”. 

Nemmeno le agende giornalistiche hanno spazio per clima e ambiente

Anche se la comunicazione via Facebook degli undici leader campione è focalizzata sulla campagna elettorale, dal report si evince che i politici sono più inclini a trattare di temi ambientali e a prendere posizioni nei confronti di azioni per il clima nei post pubblicati sul social piuttosto che nelle dichiarazioni pubbliche a telegiornali e programmi tv. Questo anche perché i temi degli interventi televisivi sono quasi esclusivamente determinati dalla scaletta di chi conduce le trasmissioni di informazione o dall’agenda dei telegiornali: entrambe legate all’attualità, in particolare alla cronaca politica, riducono al minimo lo spazio per clima e ambiente.

Ddl eco-vandali, ipocrisia contro gli attivisti del clima

Il governo italiano contro il Green Deal europeo

Gli esponenti dell’attuale governo con le loro dichiarazioni mettono in discussione le politiche del Green Deal europeo, definendole folli, impositive, liberticide, e rivendicano una “via italiana” alla transizione energetica che punta su soluzioni multi-tecnologiche per il settore dell’automotive e dell’energia e sugli agricoltori per la tutela del territorio. Sostengono di aver adottato un approccio "pragmatico" nelle sfide alla crisi climatica, alla sostenibilità ambientale e alla transizione energetica, e di aver così tracciato un modello che dovrebbe essere seguito anche dal resto d’Europa.

Gli effetti della guerra sulla transizione ecologica

Le posizioni assunte da Matteo Salvini si confermano le più ambigue e contrarie ad azioni per il clima, che il leader della Lega condanna come dannose per le imprese e per la loro competitività. “NO alla follia dell'ideologia green, SÌ al buonsenso e alla concretezza!” è lo slogan con cui chiude un post Facebook del 9 maggio 2024. 

Per citare ancora una volta Spadini, il governo “oscilla fra l’ignorare le questioni climatiche e l’aperta opposizione alle politiche ambientali europee” quando invece “dovrebbe concentrarsi su ciò che veramente serve: investire subito sulla transizione ecologica, le fonti rinnovabili e il risparmio e l’efficienza energetica in tutti i settori”.

Crediamo in un giornalismo di servizio a cittadine e cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La rivista

2024 - numero 26

Truffe al pascolo

Mafie, imprenditori e colletti bianchi si spartiscono milioni di euro di frodi alla politica agricola Ue, a scapito di ecosistemi, salute, casse pubbliche e piccoli pastori

Truffe al pascolo
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar